Menu

Uliano, entusiasmo puro «Posso giocare ovunque»

Intervista con il nuovo centrocampista biancorosso proveniente dal Sud Tirol «Speravo nel riscatto, dai nomi in rosa il Grosseto ha tutte le carte in regola»

GROSSETO. Non c'è niente di meglio, in questo momento, di un po' di sano entusiasmo giovanile. E' il caso del neo acquisto biancorosso, Francesco Uliano, classe 89, originario di Mugnano, Napoli. Oddio, lui in verità, dal Grosseto era già stato preso un anno fa dall'Ascoli, salvo poi ritrovarsi trasferito a metà (in comproprietà) al Sud Tirol, in Lega Pro. Un anno dopo, 31 presenze da protagonista ne hanno suggerito il pieno riscatto alle buste da parte del Grifone.

«Ci speravo – dice Uliano – nel riscatto da parte del Grosseto. È una società importante che aveva già creduto in me l'anno scorso. Poi, devo dire che l'anno in Lega Pro mi è certamente servito sul piano della crescita e della maturazione. A Bolzano abbiamo fatto bene, sfiorando i playoff. Adesso, torno al Grosseto, con la speranza di riuscire a restarci».

Di lei il ds Minguzzi ha parlato molto bene...

«Lo ringrazio e spero di poter ricambiare la fiducia della società. La voglia di far bene è tanta».

Descriva il suo ruolo per i suoi nuovi tifosi...

«Sono un mancino che si trova molto bene soprattutto col 4-3-3, o il 4-2-3-1. Mi piace giocare davanti alla difesa o come mezzala, indifferentemente. Direi che non sono soltanto un mediano di rottura, ma mi piace anche impostare la fase offensiva. Poi è chiaro, sono a disposizione di mister Moriero, pronto a fare qualunque cosa lui mi chiederà, col massimo impegno. Davvero, non vedo l'ora di cominciare questa nuova avventura».

Sa che il Grosseto partirà da -6?

«Certo, lo so bene, ma non mi spaventa. La serie B è comunque un campionato durissimo. Così, lo sarà ancor di più. Per recuperare, sarà fondamentale riuscire a creare un buon gruppo. Ma dai nomi che leggo che compongono la rosa al momento, penso di poter dire che il Grosseto abbia le carte in regola per fare un buon campionato e magari diventare anche una sorpresa della prossima stagione».

Conosce qualcuno dei suoi nuovi compagni?

«Lupoli e Calderoni, con i quali ho diviso il periodo ad Ascoli e poi l'ultimo arrivato, Som. Ho giocato con lui a Pergocrema e mi ricordo che era davvero un gran terzino sinistro. Uno che spingeva tantissimo. Credo sia un ottimo acquisto».

E di Grosseto cosa sa?

«Che è una bella piazza dove venire a giocare. Blasonata, con giocatori importanti. Sono certo che ce la metteremo tutta per fare un buon campionato. 42 partite sono tantissime e la strada sarà lunga, certo se poi dovesse rimanere anche Sforzini...».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro