Quotidiani locali

il ponte di prata 

Giuntini attacca: «Sulle Province autogol di Vivarelli Colonna»

MASSA MARITTIMASono state due le lettere inviate dal sindaco di Massa Marittima Marcello Giuntini al presidente della Provincia Antonfrancesco Vivarelli Colonna per conoscere lo stato di salute del...

MASSA MARITTIMA

Sono state due le lettere inviate dal sindaco di Massa Marittima Marcello Giuntini al presidente della Provincia Antonfrancesco Vivarelli Colonna per conoscere lo stato di salute del ponte di Prata. Da tempo il ponte mostrava infatti delle scalinature. il presidente della Provincia non ha riposto personalmente alle lettere inviate da Giuntini ma ha fatto sapere per mezzo stampa che i 17 ponti di competenza della Provincia non presentano criticità dal punto di vista statico. Tra questi anche il ponte di Prata: «Il ponte rientra fra le principali opere interessate dal monitoraggio – dice Vivarelli Colonna – per questo servizio la Provincia ha dovuto ricorrere ad una gara di affidamento esterna per individuare una società di ingegneria specializza in questo tipo di indagini e controlli. Questo è avvenuto proprio perché, dopo il tentato riordino delle Province con la legge Delrio ed i successivi provvedimenti “svuota Province”, è venuta meno la presenza di figure tecniche qualificate all’interno dell’Ente. Pare – contina – che ci sia, da parte di alcuni esponenti del Pd, difficoltà a capire un concetto piuttosto semplice: che, per potere svolgere le proprie funzioni delegate, le Province hanno necessità di finanziamenti».

«Nelle ultime settimane ho scritto due volte a Antonfrancesco Vivarelli Colonna per avere notizie del “Ponte di Prata” – ha commentato Giuntini – come gli succede spesso la sua risposta è sopra le righe. Se la prende con il Pd per aver svuotato le Province ma dimentica che nel programma elettorale del suo centro destra la parola Provincia nemmeno appare così come nel “contratto di governo” si riconosce un ruolo importante a Regioni e Comuni e non si citano affatto le province. Sarebbe stato più onesto intellettualmente dare una risposta più istituzionale a quei sindaci

che, facendo il proprio dovere, chiedevano semplicemente informazioni sulla sicurezza stradale. Non c’era affatto bisogno di tutto questo “agitare la clava” – conclude Giuntini – anche perché a volte la clava può scivolare e cascare su un piede». — G.S.

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro