Quotidiani locali

gavorrano 

Si presenta alla Municipale dopo aver travolto i ciclisti

La giovane aveva investito due persone, poi era scappata forando una gomma Scattano il fermo dell’auto e la denuncia per omissione di soccorso e fuga

GAVORRANO

Si è presentata nella sede del comando della polizia municipale di Gavorrano la ragazza che sabato mattina ha investito e lasciato sul posto senza soccorrerli lungo la vecchia Aurelia due ciclisti fiorentini.

Ieri mattina gli agenti hanno chiesto alla giovane di parlare dell’accaduto ma lei non ha voluto aggiungere elementi a quella vicenda che probabilmente la segnerà a lungo.

I vigili hanno provveduto al ritiro della patente, spetterà poi alla Prefettura convalidarne l’eventuale sospensione. La polizia stradale ha eseguito il fermo amministrativo.

Dopo l’incidente la municipale ha sentito tutti i testimoni e presto per la ragazza partirà una denuncia. Oltre al sequestro amministrativo, la giovane rischia di essere denunciata per omissione di soccorso, lesioni colpose e fuga.

Sabato la ventenne residente a Bagno di Gavorrano, che lavora in un bar di Follonica, ha investito con una Renault Clio bordeaux due ciclisti lungo la vecchia Aurelia.

L’auto dopo lo scontro non si è fermata proseguendo indisturbata la sua corsa verso Gavorrano.

Entrambi i ciclisti dopo lo scontro sono caduti a terra e la donna, una cinquantenne, è stata portata alle Scotte di Siena con Pegaso con una clavicola rotta e altre contusioni. Per lei la prognosi è di trenta giorni.

In molti hanno assistito alla scena riportando agli agenti la targa dell’auto pirata.

In poco tempo gli agenti della municipale di Gavorrano sono riusciti a ripercorrere tutto il percorso fatto dall’auto dopo l’impatto sull’Aurelia. La ragazza insieme al suo passeggero, un coetaneo, si è fermata dopo circa 3 chilometri dal luogo dell’incidente per far riparare la ruota dell’auto irrimediabilmente compromessa dopo l’impatto con le biciclette.

La Clio, un’auto nuova, nello scontro ha perso anche uno specchietto anteriore e ha riportato graffi e ammaccature, così la giovane ha portato l’auto dal meccanico del paese e ha preso un mezzo sostitutivo per andare a lavoro a Follonica.

«Mascherava l’agitazione con la fretta – racconta il meccanico – mi ha chiesto di sostituire la ruota perché doveva entrare a lavoro di lì a poco, si vedeva che voleva andarsene subito». L’auto non era intestata alla ventenne ma la polizia stradale è risalita all’identità della giovane che è stata poi

contattata il giorno stesso nell’attività nella quale lavora. Il sequestro del mezzo è stato eseguito dalla polizia stradale mentre i testimoni e la ragazza stessa sono stati ascoltati dalla municipale di Gavorrano che ha anche preso in custodia le bici dei due ciclisti investiti. —

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro