Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Miasmi lungo la pista ciclabile «Nessuna risposta dagli enti»

Un cittadino segnala cattivi odori in zona Strillaie nella seconda metà di agosto L’assessora all’ambiente: «Purtroppo manca una legge che fissa le soglie»

grosseto

Difficile misurare la puzza. Ma difficile anche avere risposte dagli enti pubblici. È una doppia protesta quella di Alessandro Staderini, ciclista e proprietario di casa a Principina a mare. A tre anni di distanza dalla prima segnalazione, Staderini torna a denunciare l’odore nauseabondo che nella seconda metà di agosto ha avvertito lungo la pista ciclabile tra Grosseto e Marina, vicino all’impianto di trattamento dei rifiuti delle Strillaie.

la puzza

«Esalazioni dal 15 agosto al 2 set ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

grosseto

Difficile misurare la puzza. Ma difficile anche avere risposte dagli enti pubblici. È una doppia protesta quella di Alessandro Staderini, ciclista e proprietario di casa a Principina a mare. A tre anni di distanza dalla prima segnalazione, Staderini torna a denunciare l’odore nauseabondo che nella seconda metà di agosto ha avvertito lungo la pista ciclabile tra Grosseto e Marina, vicino all’impianto di trattamento dei rifiuti delle Strillaie.

la puzza

«Esalazioni dal 15 agosto al 2 settembre, ma anche oltre», lamenta Staderini. E non solo lungo la pista. I miasmi arrivano a Principina a mare «e per chi ci abita, estate o inverno che sia, respirare aria di pineta è impossibile».

le segnalazioni

La lettera al Tirreno è solo l’ultima di una serie di segnalazioni che l’uomo ha fatto. «Email ad Arpat – spiega – messaggi su Facebook a Comune e sindaco, segnalazioni tramite la App Grosseto Clean e alla polizia municipale e provinciale». Purtroppo, segnalazioni cadute nel vuoto. «Sono sconcertato dalla completa assenza di interlocutori su questa problematica», dice. E riferisce di grottesche domande postegli a seguito delle sue segnalazioni. «Se chiami per segnalare cattivo odore ti senti chiedere: “Ma viene dalle Strillaie, oppure dal concime nei campi, oppure dal cogeneratore alla Trappola o dall’impianto di filtraggio?”». Domande a cui dovrebbero essere gli enti preposti a rispondere. «E invece niente», dice Alessandro.

la risposta del comune

Il Tirreno ha girato la segnalazione al Comune di Grosseto. Risponde l’assessora all’Ambiente Simona Petrucci. «Abbiamo ricevuto la segnalazione e l’abbiamo girata agli uffici per fare le verifiche – spiega –. Ricevendo circa 150 segnalazioni a settimana non possiamo rispondere a tutti, ma ci attiviamo sempre. Purtroppo quello dei cattivi odori è un problema complicato da gestire per mancanza di norme». Petrucci spiega che in Lombardia la Regione ha emanato delle norme che stabiliscono una soglia. I cattivi odori vengono misurati con dei nasi elettronici. «Io, con l’ingegner De Bianchi e il dottor Angeli – prosegue Petrucci – sono anche andata a inizio estate a Milano, al Politecnico, per un primo contatto con i ricercatori che hanno sviluppato questi nasi elettronici». In Toscana la Regione impone ai proprietari di impianti di produrre l’impatto odorigeno e delle emissioni, «ma la scala oltre la quale si viola la legge – dice Petrucci – è prevista solo per le emissioni. Le stesse autorizzazioni a questi impianti sono regionali, quindi i Comuni hanno un po’ le mani legate».

l’arpat

Anche Arpat conferma di aver ricevuto la segnalazione di Staderini e che è stata presa in carico. — F.F.