Quotidiani locali

«Che ci fai con la bocca? Te la spacco» La suora indagata allontanata dalla scuola

Maltrattamenti in una materna, religiosa di 53 anni denunciata dai genitori di una bambina. Urla, minacce e schiaffi in aula

GROSSETO

Prima di rivolgersi alla polizia, hanno voluto qualche certezza. Alle parole della loro bambina non volevano credere: speravano, con tutto il cuore, che non fosse vero che la suora che aveva il compito di far giocare i piccoli, di far imparare a stare insieme e di accompagnarli alla prima elementare, maltrattasse loro figli. Invece, le visite mediche alle quali la piccola è stata sottoposta hanno dato risposte che erano coerenti con i racconti della bambina e per questo i genitori hanno deciso di rivolgersi all’avvocato Alessandro Antichi e denunciare la donna. Ieri è arrivato l’avviso di fine indagine nei confronti di Sophiamma Joseph, 53 anni, di origini indiane. La suora ha lasciato la città un anno fa, dopo che era stata indagata. L’istituto religioso del quale fa parte ha deciso di allontanarla dopo un anno appena di lavoro a Grosseto. Prima dirigeva un altro istituto paritario, in nord Italia, poi la decisione di affidarle una classe qui. Ma quei mesi di scuola non erano trascorsi con la serenità che si dovrebbe respirare in un asilo.

A maggio del 2017 è scattata la denuncia e pochi giorni dopo gli uomini della polizia postale hanno installato le microspie nell’aula: filmati e registrazioni audio hanno ripreso la donna mentre strattonava i bambini, afferrandoli per un braccio e allontanandoli con la forza, minacciando di colpirli con uno schiaffo mostrando la mano aperta pronta a colpirli. Qualcuno di loro uno schiaffetto sulla bocca lo ha preso davvero. E qualcun altro ha rimediato anche un nocchino sulla testa, secondo le accuse iniziali. I bambini, qualche volta venivano lasciati seduti per terra con il volto verso la parete e in un’occasione avrebbe anche negato a un piccolo che doveva andare in bagno il permesso di farlo. I genitori della piccolina, che aveva manifestato problemi a mangiare e dormire e che non voleva stare con altre persone, hanno deciso di denunciare la donna. Il sostituto procuratore Salvatore Ferraro ha indagato la religiosa per il reato di maltrattamenti.

«T’ammazzo, t’ammazzo». E ancora: «Che ci fai con la bocca? Ti spacco la bocca», sono alcune delle frasi riportate dai bambini e riprese dagli uomini della polizia. Durante le lezioni, qualche volta, la religiosa gettava i giochi dei bambini per terra, costringendoli a rimetterli a posto. «Se non lo fate Gesù non vi vorrà più bene e voi brucerete all’inferno. Nemmeno i vostri genitori

vi vorranno più bene». La denuncia è stata presentata alla fine di maggio dell’anno scorso e gli uomini della polizia hanno potuto seguire soltanto pochi giorni di lezione: qualcuno dei genitori aveva già portato via i propri figli da scuola prima della fine dell’anno. —



TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro