Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Capalbio celebra le arti visive Ecco i vincitori della 5ª edizione

CAPALBIOPalazzo Collacchioni ha ospitato domenica pomeriggio la premiazione degli artisti e delle opere che hanno partecipato alla quinta edizione del concorso Arti visive Capalbio (già Premio di...

CAPALBIO

Palazzo Collacchioni ha ospitato domenica pomeriggio la premiazione degli artisti e delle opere che hanno partecipato alla quinta edizione del concorso Arti visive Capalbio (già Premio di pittura estemporanea) indetto dal Comitato organizzativo della sagra del cinghiale (Cosc) con il patrocinio del Comune di Capalbio e il supporto dell’associazione culturale Il Frantoio e degli sponsor Terre di Sacra e Banca Tema Saturnia e Costa d’Argento.

Tante le novità di questa edizione, tra cui l’introduzione della categoria “guest” per gli artisti in residenza, ospitati per sviluppare progetti sul territorio, la sezione riservata ai giovani artisti under 20 e la categoria “open” aperta a tutti. Il concorso è stato preceduto da un corso di pittura di tre giorni tenuto a Palazzo Collacchioni dalla pittrice Fabiana Brizi. A valutare le opere la giuria presieduta da Gastone Franci e formata dal sindaco Luigi Bellumori, dai curatori Cinzia Manetti, Massimo Buondì e Michela Eremita, dalla graphic designer Ludmilla Peroni e dalla direttrice della galleria Il Frantoio Maria Concetta Monaci.

Per la categoria giovani ha vinto Martina Montini Paciotta con l’opera “Capalbio” seguita da Alice Mazzarani (dipinto a olio su tela) e Marta Gesmundo che ha realizzato una fotografia panoramica: per loro una targa ricordo e la possibilità di esporre gratuitamente per una settimana a Palazzo Collacchioni. Nella sezione open che prevedeva anche premi in denaro prima classificata Simona Manni, al secondo posto Debora Righi, terzi ex aequo Lamberto Parigi e Nicola Cariati. La categoria “guest” ha visto la partecipazione del fumettista Daniele Marotta e dell’illustratore Roberto Malfatti.

Marotta è originario di Orbetello ma vive e lavora a Siena dove nel 2013 ha fondato l’Accademia del Fumetto. Fumettista e illustratore professionista, ha collaborato con La Repubblica e quest’anno ha pubblicato la sua prima graphic novel come autore completo, Inferno 1861 (Effequ). Roberto Malfatti è un urban sketcher e illustratore e usa il suo taccuino di viaggio per raccontare il mondo. Per gli artisti guest era prevista la pubblicazione del catalogo dell’edizione 2018. — S.L.