Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Trasloco in vista per la Finanza che si sposta in via Bicocchi

La Tenenza occuperà la palazzina che in passato ospitava i carabinieri Inaugurazione venerdì mattina alla presenza delle autorità

follonica

Follonica cambia volto. La Tenenza della guardia di finanza da venerdì 14 settembre lascia la sede di piazza del Popolo per spostarsi in via Bicocchi, nell’immobile che fino a qualche tempo fa ospitava l’Arma dei carabinieri. Il trasferimento è frutto del maxiaccordo che prevedeva la cessione della ex caserma dal Comune al Demanio in cambio della proprietà della Casa Gobba di piazza del Popolo e del Casello Idraulico di via Roma, due edifici storici che adesso fanno parte del patri ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

follonica

Follonica cambia volto. La Tenenza della guardia di finanza da venerdì 14 settembre lascia la sede di piazza del Popolo per spostarsi in via Bicocchi, nell’immobile che fino a qualche tempo fa ospitava l’Arma dei carabinieri. Il trasferimento è frutto del maxiaccordo che prevedeva la cessione della ex caserma dal Comune al Demanio in cambio della proprietà della Casa Gobba di piazza del Popolo e del Casello Idraulico di via Roma, due edifici storici che adesso fanno parte del patrimonio follonichese.

Tutto parte dalla costruzione dell’attuale sede della compagnia dei carabinieri in via Nenni: un progetto portato avanti dalla giunta Saragosa, poi passato all’esecutivo di Eleonora Baldi, che nel 2010 posò la prima pietra ,e ancora a quello dell’attuale sindaco Andrea Benini che l’ha inaugurata nel 2015.

Quella nuova costruzione ha fatto sì che per il Comune si aprisse una nuova partita di grande rilievo: liberando l’immobile di via Bicocchi e cedendolo al Demanio non solo sono entrati nel patrimonio comunale due edifici storici già utilizzati dal municipio per cui però pagava la concessione allo Stato, ma si è riaperta la trattativa sulla completa cessione dell’ex Ilva all’ente follonichese.

«Il trasferimento della guardia di finanza fa parte dell’accordo firmato a gennaio del 2017 con il Demanio e sul quale abbiamo lavorato molto nei mesi scorsi – spiega Benini – Le Fiamme gialle avranno a disposizione una sede più consona rispetto al passato e logisticamente più adatta alle loro funzioni, e non solo. La nuova collocazione apre la possibilità anche ad un aumento dei militari presenti nella nostra città, ciò sempre nell’ottica di aumentare il controllo sul nostro territorio. In parallelo stiamo portando avanti il progetto Ilva: c’è stato un avvicendamento al Demanio, il direttore è cambiato ma conosciamo il suo successore che già aveva ricoperto questo ruolo proprio all’inizio del percorso che ha portato alla firma dell’accordo nel gennaio 2017. Siamo molto fiduciosi, speriamo di concludere a breve anche la parte del piano che riguarda la vecchia città fabbrica».

Il volto di Follonica sta cambiando molto negli ultimi anni: lo spostamento della finanza in via Bicocchi farà sì che si liberi un altro edificio di valore in piazza del Popolo, il cui futuro oggi è nelle mani degli uffici demaniali che dovranno decidere se venderlo a privati o tenerlo nelle proprietà dello Stato e destinarlo a nuove funzioni.

Sul piano invece della sicurezza Benini spiega che il Comune sta portando avanti la richiesta di avere a Follonica un commissariato della polizia di Stato, un’opportunità che l’amministrazione non vuole lasciarsi sfuggire in virtù della necessità del potenziamento delle Forze dell’ordine sul territorio comunale.

Venerdì mattina un altro tassello va al suo posto: alle 10.30 taglio del nastro della nuova sede della finanza alla presenza delle autorità militari e civili della provincia. —