Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

In coma etilico a 18 anni, portata all’ospedale

La ragazza stava ballando quando ha perso conoscenza: aveva partecipato alla Festa delle cantine. È fuori pericolo

MANCIANO

È finita con una corsa in ospedale e un coma etilico la serata alla Festa delle Cantine di Manciano per una ragazza romana di 18 anni.

Erano circa le 2,45 di domenica quando la diciottenne che aveva partecipato alla festa con un gruppo di amici si è sentita male.

Tutto è successo in una cantina di piazza Garibaldi, a pochi metri dalla sede della Misericordia di Manciano.

Secondo una prima ricostruzione la ragazza stava ballando quando, improvvisamente, si è accasciata a terra in una cantina che si affaccia proprio sulla piazza.

Gli amici sono corsi a chiedere aiuto ai volontari della Confraternita che è poco lontana e sul posto sono arrivati i sanitari del 118 di Manciano che hanno dovuto trasportare velocemente la giovane al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio di Orbetello.

La diciottenne era svenuta per aver esagerato nel suo giro per le cantine bevendo qualche bicchiere di troppo: era priva di sensi quando sono arrivati i volontari della Misericordia che l’hanno subito caricata sull’ambulanza per accompagnarla all’ospedale.

Gli amici che erano con lei e il personale della cantina hanno temuto il peggio perché la ragazza non reagiva a nessuno stimolo non riuscendo più a prendere conoscenza.

Il fatto è successo anche davanti ai carabinieri di Manciano che stavano svolgendo il servizio d’ordine pubblico per la festa che stava animando il paese.

La ragazza ha passato la notte all’ospedale San Giovanni di Dio di Orbetello. È fuori pericolo. Probabilmente aveva esagerato un po’ con le degustazioni alla festa delle cantine di Manciano: era arrivata con alcuni amici, gli stessi che l’hanno suito soccorsa quando l’hanno vista per terra. —