Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il maestro buddista Namkhai Norbu diventa commendatore della Repubblica

La consegna dell'onorificenza (foto Enzo Russo)

Fondatore della comunità di Merigar, ha ricevuto l'onorificenza assegnata dal Presidente Mattarella

ARCIDOSSO. Il professor Namkhai Norbu, fondatore ad Arcidosso del Centro tibetano Merigar West, è Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

La massima onoreficenza è stata conferita dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La consegna è avvenuta questa mattina, lunedì 10 settembre, durante una cerimonia  pubblica nella Sala del Consiglio comunale di Arcidosso alla presenza della prefetta di Grosseto Cinzia Torraco,  del sindaco di Arcidosso Jacopo Marini e del presidente del consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani.

Il commendatorato è un riconoscimento per “ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, dell'economia e nell'impegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici e umanitari” e ben si attaglia al maestro che ha dedicato tutta la vita alla cultura e all’attività filantropica e sociale, spendendosi personalmente per tenere sempre accesa la fiaccola della pace.

“Mi sento particolarmente legato a questo territorio – ha detto ringraziando tutti, Namkhai Norbu – uno spazio di straordinaria bellezza e magnetismo, dove abbiamo fondato Merigar”. Il valore dell’uomo, l’eccezionalità dell’impegno e il contributo alla società, nonchè la valenza di Merigar e del territorio amiatino sono stati sottolineati sia la prefetta Torraco che dal presidente Giani che, al contempo, hanno messo in luce i meriti e la grande preparazione di Norbu, uomo di pace.

Del legame della comunità di Merigar e di Norbu col territorio e le genti amiatine, ha rimarcato l’importanza il sindaco di Arcidosso Jacopo Marini che si è soffermato a illustrare “lo spessore culturale e spirituale di questo grande uomo di pace. Il maestro – ha detto il sindaco – ha dedicato la sua intera vita alla ricerca culturale, all’approfondimento di temi spirituali e filosofici. Ha inseguito sempre l’obiettivo e il sogno della pace e la sua presenza nel nostro territorio è un grande onore. Questa onorificenza gli rende merito e siamo fieri che sia stato insignito di questo riconoscimento dal presidente della Repubblica”.

Con l’onorificenza di commendatore, consegnata dalla Prefetta che ne ha letto le motivazioni, sono stati donati al maestro tibetano due stendardi, rispettivamente dal sindaco Marini e dal presidente Giani. Nel primo stendardo sono ricamati i segni identificativi delle associazioni di Arcidosso, mentre nel secondo compaiono gli stemmi dei quattro comuni dell'Amiata: Arcidosso, Castel del Piano, Santa Fiora e Seggiano.

“Gli stendardi – rimarca il sindaco Jacopo Marini – sono simbolo del legame forte dei territori e delle nostre associazioni comunali con la comunità di Merigar e il maestro”. 

L’attività del maestro Norbu è straordinaria: fu lui che fondò Merigar nel 1981, mettendo la prima pietra alla costituzione della comunità buddista sull’Amiata. Proveniente dal Tibet, è stato docente di lingua e letteratura tibetana all’ Orientale di Napoli. Il suo impegno accademico e il suo pensiero hanno avuto risonanza internazionale: ha fondato l’Istituto Internazionale di Studi Tibetani Shang Shung, la Shang Shung Edizioni e la ONG Asia onlus, per progetti diretti di aiuto alla popolazione tibetana. E ha dato vita alla Comunità Dzogchen Internazionale la cui sede europea è proprio Merigar il cui cuore è il gompa, il tempio buddista, a forma ottagonale, ideato dallo stesso Namkhai Norbu e inaugurato nel 1990 da S.S. il XIV Dalai Lama Tenzin Gyatso, meta di pellegrinaggio per i fedeli buddhisti di tutto il mondo.