Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il pullman non passa Gruppo resta a piedi per quasi un’ora

Il mezzo si era guastato Tiemme: «Nella sostituzione con un altro mezzo la linea ha accumulato un ritardo purtroppo importante»

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA

Era partita da Grosseto, era arrivata a Castiglione della Pescaia. Ma al momento di tornare indietro, sempre in pullman, ha dovuto attendere a lungo. Quasi un’ora. È saltata la corsa, l’altro giorno, che da Castiglione avrebbe dovuto riportare a Grosseto una donna con problemi di deambulazione. Ma non solo lei: anche un gruppo di turisti stranieri.

Il problema è avvenuto in coincidenza con il passaggio della corsa che avrebbe dovuto fermare nel centro del paese alle ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA

Era partita da Grosseto, era arrivata a Castiglione della Pescaia. Ma al momento di tornare indietro, sempre in pullman, ha dovuto attendere a lungo. Quasi un’ora. È saltata la corsa, l’altro giorno, che da Castiglione avrebbe dovuto riportare a Grosseto una donna con problemi di deambulazione. Ma non solo lei: anche un gruppo di turisti stranieri.

Il problema è avvenuto in coincidenza con il passaggio della corsa che avrebbe dovuto fermare nel centro del paese alle 18.20. «Il pullman non si è visto proprio», si sono lamentati i viaggiatori rimasti a piedi. Più tardi, intorno alle 19,10, il gruppo ha potuto prendere la corsa successiva, tra l’altro diretta a Siena ma comunque con fermata nel capoluogo.

Cosa era accaduto? «Il disservizio segnalato è stato causato da un guasto tecnico che ha interessato l’autobus extraurbano impiegato sulla tratta, il quale non ha potuto raggiungere la fermata di Castiglione dove si trovavano gli utenti – spiega Tiemme – È stata attivata la sostituzione con un altro mezzo ma la linea ha complessivamente accumulato un importante ritardo, per questo gli utenti hanno utilizzato la corsa successiva».

«Nello scusarsi con i passeggeri per il disservizio, per quanto l’episodio possa ritenersi “normale” nel ciclo di vita di un autobus che percorre numerosi chilometri annui, l’azienda ricorda che sta lavorando per rinnovare il suo parco mezzi extraurbano e, dopo i 25 bus acquistati da gennaio ad oggi, ne presenterà altri 10 nuovi nei prossimi giorni oltre ad aver già programmato l’acquisto di ulteriori 60 che arriveranno, gradualmente, nel corso del 2019», spiega ancora l’azienda di trasporto. —