Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il manifesto: «Il capoluogo senza plesso è morto»

SCARLINO SCALOSembravano assopite le polemiche che da tempo sono state sollevate contro la costruzione, a Scarlino Scalo, della nuova scuola di via Lelli ma ieri mattina il Comune si è svegliato con...

SCARLINO SCALO

Sembravano assopite le polemiche che da tempo sono state sollevate contro la costruzione, a Scarlino Scalo, della nuova scuola di via Lelli ma ieri mattina il Comune si è svegliato con una macabra sorpresa. Le vie del capoluogo sono state tappezzate da fogli mortuari in cui veniva annunciata la morte di Scarlino.

L’edificio dello Scalo è infatti visto da alcuni abitanti del capoluogo come il simbolo dello spopolamento del borgo proprio perché nel nuovo edifico confluiranno le c ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SCARLINO SCALO

Sembravano assopite le polemiche che da tempo sono state sollevate contro la costruzione, a Scarlino Scalo, della nuova scuola di via Lelli ma ieri mattina il Comune si è svegliato con una macabra sorpresa. Le vie del capoluogo sono state tappezzate da fogli mortuari in cui veniva annunciata la morte di Scarlino.

L’edificio dello Scalo è infatti visto da alcuni abitanti del capoluogo come il simbolo dello spopolamento del borgo proprio perché nel nuovo edifico confluiranno le classi della scuola media del paese alto Annibale Mariotti.

Un trasferimento che molti genitori residenti nel capoluogo non hanno apprezzato tanto che alcuni genitori in passato hanno anche scritto lettere di protesta. «Oggi al termine di un lungo travaglio ci ha lasciato il Piccolo Borgo di Scarlino ucciso dall’ignoranza, dalla prepotenza, dalla irriconoscenza della politica – recita il foglio mortuario – la popolazione tutta si stringe attorno ai suoi edifici privati d’identità e nome che presto saranno occupati da orde di turisti festanti, che seppur per pochi giorni lo faranno sentire ancora vivo». E conclude: «Non fiori ma esami di coscienza per chi ne avesse ancora una. Le esequie si terranno sabato 8 settembre ore 10 in via Lelli 13 a Scarlino Scalo alla presenza delle autorità». — G.S.