Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Bertarelli dona un’ambulanza da 150mila euro

Il mezzo sarà lo utilizzerà la Misericordia San Sigismondo A bordo ha macchinari salvavita  tra i quali spicca il lifepak 15, un innovativo defibrillatore

cinigiano

A Cinigiano oggi alle 17 è in programma la cerimonia di inaugurazione della nuova ambulanza donata dalla Fondazione Bertarelli alla Misericordia San Sigismondo di Cinigiano.

Il programma prevede: alle 17 il raduno di tutti i volontari e delle associazioni nel Palazzo comunale di Cinigiano. Seguirà alle 18 la Santa Messa nella chiesa di San Michele Arcangelo con la benedizione dell’ambulanza. E subito dopo una dimostrazione di soccorso su un paziente che accusa dolore toracico.

La nuova ambulanza ha richiesto un investimento di 150mila euro, tra l’acquisto del mezzo e la dotazione interna dei macchinari, tra i quali spicca il lifepak 15, un dispositivo all’avanguardia che oltre alla defibrillazione consente di misurare i parametri vitali direttamente a bordo del mezzo e di inviarli in tempo reale alla centrale operativa del 118 per la lettura da parte del medico. Un servizio essenziale per accorciare i tempi di diagnosi in attesa dell’arrivo sul posto del personale medico.

A questo punto, grazie alla Fondazione Bertarelli, sono a disposizione della centrale operativa del 118, tutti i giorni h12, due ambulanze con dotazione per il soccorso avanzato Blsd, gestite dai volontari della Misericordia di Cinigiano, per interventi sul territorio comunale e non solo. Oltre alle ambulanze sono presenti due mezzi per i servizi sociali gestiti in collaborazione con i volontari del Gruppo Fratres Cinigiano.

«L’entrata in servizio della nuova ambulanza dotata del lifepak 15 – commenta la sindaca Romina Sani – è un potenziamento importantissimo del 118 per il comune e per i territori vicini. Ringraziamo, quindi, tutti i volontari che rendono possibile ed efficace il soccorso e la Fondazione Bertarelli, da sempre attenta ai bisogni dei cittadini». —