Quotidiani locali

castel del piano 

Abbattuto il cavallo ferito, oggi si corre il Palio

Non ce l’ha fatta Bonantonio da Clodia, che si era fratturato una zampa giovedì. Il sindaco: «Ma in quel tratto pista sicura» 

castel del piano

Bonantonio da Clodia, il mezzosangue caduto in piazza Garibaldi a Castel del Piano il 6 settembre mentre disputava le batterie da cui escono i quattro cavalli destinati a correre il palio delle contrade, è stato abbattuto. La frattura del nodello, caso di frattura irrecuperabile o quasi per un cavallo da corsa, ha convinto alla sua soppressione.

Bonantonio da Clodia, protagonista della quarta batteria disputata in piazza si era imposto sugli altri cavalli con un galoppo abbastanza sostenuto, ma subito dopo la curva della Gattina, mentre era in testa, è scivolato sulla terra e percorrendo vari metri, è andato a rompersi proprio la parte del piede sopra lo zoccolo.

La decisione di sopprimerlo è arrivata nel tardo pomeriggio, mentre i capitani di Borgo, Monumento, Poggio e Storte erano già tutti concentrati su quali cavalli avrebbero di lì a poco dovuto scegliere.

Un compito non facilissimo visto che Gabriello Ceccarelli (Storte), Sabrina Rosati (Borgo), Stefano Bernardini (Poggio) e Lorenzo Bassetti (Monumento) hanno dovuto scegliere fra tutti i cavalli partecipanti alle batterie (eccetto, naturalmente, Bonantonio da Clodia) e non sulla rosa dei primi due arrivati per ogni batteria. Questo perché le vere batterie con classifica dei cavalli non ci sono state per le condizioni di non sicurezza di un tratto di pista.

«Non il tratto, però dove è caduto il cavallo», tiene a precisare il sindaco Claudio Franci. «Il cavallo è caduto alla curva della Gattina e invece la parte insicura della pista era quella della curva delle Magliaie. Quindi le condizioni di piazza Garibaldi non c’entrano nulla con quella caduta».

Intanto oggi si corre il palio. I cavalli in pista abbinati alle contrade sono: alla contrada Borgo Quantovali, al Monumento Suelzo de Mores, al Poggio Urbania, alle Storte Pestifero. Le monte potranno essere cambiate fino alle 12 di oggi.

In ogni caso per le prove di ieri 7 hanno corso per il Borgo Carlo Sanna detto Brigante già dal 2 agosto indicato come fantino di contrada, per le Storte Antonio Siri detto Amsicora,

per il Poggio Giuseppe Zedde detto Gingillo e per il Monumento Walter Pusceddu detto Bighino. Tutti fantini pluridecorati per aver partecipato o anche vinto al palio di Siena. —

Altro servizio nelle

pagine dedicate ai palii



TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro