Quotidiani locali

la spaccatura 

Avvertimento a Enrico Rossi

LA POLEMICA«Non lasciamoci ingannare dalla contrarietà dei Comuni di Follonica e Scarlino: una contrarietà fatta solo di carte bollate e non di sostanza». Il Movimento 5 Stelle di Follonica non crede...

LA POLEMICA

«Non lasciamoci ingannare dalla contrarietà dei Comuni di Follonica e Scarlino: una contrarietà fatta solo di carte bollate e non di sostanza».

Il Movimento 5 Stelle di Follonica non crede alle prese di posizione di Andrea Benini e del sindaco di Scarlino Marcello Stella. «I Comuni di Follonica e Scarlino sono responsabili - e proni - delle scelte scellerate della gestione dei rifiuti nell’Ato Toscana sud volte a fornire sempre più rifiuto indifferenziato da smaltire nell’inceneritore di proprietà dello stesso Pd – dicono i pentastellati - Il tutto sotto gli occhi del centrodestra che sta a guardare pur essendo al governo dei capoluoghi di provincia Siena, Arezzo e Grosseto, e quindi detentore della maggioranza delle quote in Ato Toscana Sud».

Il M5S, continua la nota, «pone da sempre al centro della propria linea politica i rifiuti», ricordando i vari incontri fatti. «Purtroppo tutto questo sembra non esser stato sufficiente a convincere la comunità locale a non far eleggere Enrico Rossi quale governatore della Regione Toscana. Forte del voto la Regione Pd non ha cambiato idea e ha confermato la riapertura dell’inceneritore nonostante i pareri del Cnr di Napoli sull’inadeguatezza dell’impianto, gli sforamenti di diossina o il preoccupante stato di salute dei follonichesi e scarlinesi». Anche Fare Grosseto è poco convinta. «Siamo davanti a una lampante contraddizione – spiega - Chi nel 2006 l’ha voluto, approvando per due volte le prescrizioni, e chi prima sottoscrisse il patto con Futura costringendo i comuni maremmani a rimanere vincolati al gestore delle Strillaie per tanti anni, oggi sostiene che l’impianto è superato e va chiuso. Delle due ne vale una – aggiunge Fare Grosseto - O sbagliavano all’epoca o sbagliano oggi». Per Fare Grosseto la priorità è una sola: la sicurezza degli abitanti. «Oggi siamo preoccupati per i dati allarmanti

che contraddistinguono il territorio. Gli aumenti oltre le medie nazionali di allergie, tumori, linfomi, devono imporre uno stop agli ulteriori rischi di emissioni di diossina. L’alternativa è quella di dotare la struttura di sistemi di sicurezza tecnologicamente avanzati». —

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro