Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il Corpo Bandistico Musicale Da 128 anni l’orgoglio di Magliano in Toscana

la tradizioneAvere 128 anni e non sentirli. Il Corpo Bandistico Musicale Giuseppe Verdi di Magliano in Toscana ha ormai più di un secolo di vita – è stato fondato nel 1890 su iniziativa di un gruppo...

la tradizione

Avere 128 anni e non sentirli. Il Corpo Bandistico Musicale Giuseppe Verdi di Magliano in Toscana ha ormai più di un secolo di vita – è stato fondato nel 1890 su iniziativa di un gruppo di appassionati musicanti maglianesi – e ancora allieta feste, ricorrenze e a volte anche alcuni funerali.

La storia del Corpo Bandistico la racconta al Tirreno Pamela Pignotti, che fa parte del consiglio della Banda e vuole che questa eccellenza continui ad appassionare soprattutto i giovani, il futuro.

«La banda – dice – era un po’ lo specchio del paese, ne costituiva il vanto e il biglietto da visita e che festa, che allegria, che serenità quando c’era la musica in piazza, quando la banda passava di strada in strada, suonando marce e marcette che scacciavano ogni brutto pensiero».

Solo per alcuni periodi la banda non ha suonato. «Il gruppo ha sospeso l’attività soltanto durante i due periodi bellici, e successivamente con la ripresa dell’attività musicale, la partecipazione è andata diminuendo a causa dell’emigrazione della fine degli anni ’60. Da questo periodo ai giorni nostri vi è stata un’inversione di tendenza tanto che si è raggiunta l’attuale composizione di 30 musicisti, numero ragguardevole considerate le dimensioni del paese».

Tanti i maestri che si sono succeduti negli anni: Torello Minucci fino al 1925, Emilio Minucci dal 1925 al 1926, Solidio Pratolini dal 1926 al 1967, Rolando Gregori dal 1977 al 2002, Riccardo Minucci dal 2003 al 2012 fino all’attuale maestro Riccardo Stringardi. Presidente del Corpo Bandistico è Massimo Giusti.

«E se il ruolo della banda è stato quello di allietare le più svariate ricorrenze civili e religiose dentro e fuori dal Comune – spiega la consigliera – è però nei concerti e raduni bandistici, eseguiti spesso con successo anche al di fuori della provincia spingendosi fino in Trentino e Austria, che mostra a pieno le proprie capacità».

La banda è una vera tradizione del paese. Intere famiglie negli anni vi hanno partecipato. «Il ringraziamento più grande – dice Pignotti – va ai musicisti che tutto l’anno, con tanti sacrifici e gratuitamente, provano e mettono a disposizione il loro tempo, il loro cuore e il loro amore per la musica e la banda, in modo da portare avanti questa tradizione che è patrimonio storico della comunità».

La banda si propone anche di insegnare ai giovani e agli adulti la musica; per questo, anche per l’anno 2018/2019 propone corsi di strumenti bandistici e canto per avvicinare bambini, ragazzi e perché no adulti, alla musica ed all’uso di uno strumento musicale. Info: bandamagliano@hotmail.com. —