Quotidiani locali

pitigliano  

Via piante ed erbacce dal tufo Il borgo tornerà a risplendere

Il verde infestante rischia di mettere in ombra la suggestiva illuminazione Il Comune investirà 50mila euro per ripulire la rupe e la scarpata del paese

Pitigliano

Saranno ripulite la rupe tufacea e la scarpata sotto il centro abitato di Pitigliano. La Piccola Gerusalemme sorge su uno sperone di tufo lungo il quale si staglia una stradina panoramica che fa il giro di Pitigliano, La Selciata, a margine della quale sono posizionati i fari che illuminano dal basso il borgo di Pitigliano.

Lo sperone roccioso si è formato grazie all’azione dei torrenti Lente, Prochio e Meleta, che – incidendo profondamente il basamento tufaceo – hanno originato una sorta di fortezza naturale, in cui le mura sono costituite dalle stesse ripide scarpate dello sperone. Col tempo la vegetazione, in alcuni tratti, ha preso il sopravvento e da tempo è necessaria una pulizia che nel giro di alcune settimane, dovrebbe cominciare.

L’impegno di spesa previsto dal Comune è di 50mila euro. Una parte della zona che verrà ripulita è quella che si vede non appena si curva sotto la Madonna delle Grazie e davanti agli occhi appare un panorama mozzafiato: la Città del Tufo arroccata sul tufo. La stessa visione diventa ancora più spettacolare di notte. Ora le piante sono alte e ben visibili e, se da un lato il loro verde rende ancora più suggestivo il panorama, dall’altro, se non curato, finisce per vanificare il sistema di illuminazione creato per far apparire ancora più affascinante il borgo.

Allo stesso tempo, le piante nate sulla rupe e sulla scarpata, non rendono giustizia alla bellezza di Pitigliano che vuole mostrarsi ai turisti e ai cittadini che lo abitano nella sua forma migliore.

La pulizia è stata suddivisa in quattro zone: il lato nord sottostante il Palazzo Comunale; il lato sud del Centro Storico; via Santa Chiara, via Ciacci e via Unità d’Italia e località Ponte San Giovanni, le mura sotto il cimitero ebraico.

La vegetazione che ha infestato le pareti è composta da rampicanti, rovi, arbusti. In una prima fase verrà passato un diserbante e poi le piante infestati saranno rimosse. In alcuni punti saranno tolte sole le canne. Tutto il materiale di risulta della pulitura sarà triturato.

«È un intervento che i cittadini aspettavano da tempo – commenta il primo cittadino Giovanni Gentili – Siamo arrivati al punto che le piante coprono l’illuminazione ed era necessario fare questo intervento. Il borgo di Pitigliano è conosciuto anche per la sua suggestiva illuminazione notturna. L’amministrazione – aggiunge il sindaco – ha stanziato le

risorse. Ora ci sarà da aspettare qualche settimana per la conclusione della gara e l’inizio dei lavori, ma finalmente ci siamo”». Una volta ultimato il lavoro di ripulitura, i fari che illuminano il borgo e la rupe saranno in grado di svolgere al meglio la loro funzione. –



TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro