Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

I segreti del cosmo e la missione Agile svelati a Petricci

Andrea Argan, ingegnere  dell’Istituto Nazionale  di Astrofisica di Roma, ospite in sala Fedri per parlare della missione del satellite Agile

petricci

Da Petricci (Semproniano) si apre una finestra sul cielo. È “La conquista italiana dello Spazio”, all’interno della bella iniziativa di Petricci (Semproniano) “Visioni fra arte e cosmo” che ha visto giovedì scorso la presenza in loco della famosa astrofisica Veronica Bindi.

Oggi la parola va ad Andrea Argan, ingegnere responsabile dell’ufficio centrale di ingegneria-progetti spaziali dell’Istituto Nazionale di Astrofisica di Roma, che parlerà dei progetti spaziali italiani.

Argan è ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

petricci

Da Petricci (Semproniano) si apre una finestra sul cielo. È “La conquista italiana dello Spazio”, all’interno della bella iniziativa di Petricci (Semproniano) “Visioni fra arte e cosmo” che ha visto giovedì scorso la presenza in loco della famosa astrofisica Veronica Bindi.

Oggi la parola va ad Andrea Argan, ingegnere responsabile dell’ufficio centrale di ingegneria-progetti spaziali dell’Istituto Nazionale di Astrofisica di Roma, che parlerà dei progetti spaziali italiani.

Argan è responsabile e manager della missione del satellite Agile, con un team tutto italiano specializzato per osservare l’universo.

Fra le più interessanti scoperte, la prima mappa completa dell’emissione gamma celeste e una nuova brillante pulsar gamma che ruota molto rapidamente, intorno al proprio asse al centro della Nebulosa del Granchio, una delle sorgenti più luminose del cielo. La Nebulosa del Granchio (Crab) ha, infatti, al centro una stella di neutroni che fornisce energia al gas della parte interna attraverso un forte vento fatto di onde elettromagnetiche e particelle.

E non basta, perché Agile ha scandagliato un potente nucleo galattico che risplende in una regione di cielo altrimenti tranquilla. Date le scoperte di grande rilevanza scientifica e i brillanti risultati finora ottenuti, al satellite è stato assegnato il Premio Bruno Rossi 2012, senza dubbio il più prestigioso riconoscimento internazionale nel campo dell’astrofisica delle alte energie.

Lo strumento che permette ad Agile di inviare sulla Terra immagini spettacolari dal cosmo è un cubetto di 60 cm di lato che pesa circa 85 Kg e produce “immagini” con l’uso della tecnologia dei rivelatori al silicio. Di questo gioiello italiano in particolare parlerà l’ingegnere a Petricci. Appuntamento in sala Fedri alle 21. Ingresso libero. —