Quotidiani locali

arcidosso 

Spegnete i telefonini e ascoltate Torna NarraStorie di Cristicchi

L’artista ha presentato a Firenze l’edizione 2018 del festival, dal 20 al 26 agosto Attesi Ascanio Celestini, Mario Perrotta, Enzo Iacchetti e Giobbe Covatta

Arcidosso

Bambini. Famiglia. Patria. Voi piccini state lontani dai tablet. Voi grandi spengete i telefonini. Per una volta niente teste all’ingiù, niente musini imbambolati davanti a quel piccolo schermo luminoso. Sotto il vulcano spento dell’Amiata torna il NarraStorie. Torna il festival degli artisti affabulatori che raccontano storie incredibili nei luoghi più suggestivi di Arcidosso dal 20 al 26 agosto. Il Castello Aldobrandesco. La Cascata d’Acqua d’Alto. La Rocca di Montelaterone. Coi nomi importanti che si portano dietro pare di vederli anche solo con l’immaginazione questi posti carichi di storia.

E il direttore Simone Cristicchi, ieri durante la conferenza stampa a Firenze per la presentazione, introduce il festival così: «Il NarraStorie è un po’ come essere invitati a cena da una persona che non conoscete. Tanta è la curiosità. Tanta è l’attesa. Poi passate una bella serata e vi alzate che state meglio».

Fate conto allora di ritornare alle origini. Il festival è la riscoperta del racconto orale di tanti anni fa. Quando le famiglie si ritrovavano nelle aie e nei cortili a frescheggiare e si raccontavano storie che fanno memoria, che fanno identità. Per i bambini si comincia il pomeriggio coi laboratori creativi a cura de Il Soffiasogni e Chissàdove, poi si passa agli spettacoli con gli artisti al Parco del Pero.

Alla sera Simone Cristicchi riunisce il meglio dei narratori italiani. Tanto che il presidente del consiglio regionale Eugenio Giani lo lancia come un appuntamento da non perdere e il sindaco Jacopo Marini spera diventi un classico dell’estate toscana. Ecco gli artisti che andranno in scena.

L’appuntamento è in Piazza del Teatro. Ascanio Celestini porta il suo teatro civile fatto di microstorie, unico comune denominatore: l’improvvisazione (20 agosto). Mario Perrotta ha il suo “Milite ignoto”: racconta gli italiani in trincea nella Grande Guerra come il primo vero momento di unità nazionale e tira fuori una lingua d’invenzione mescolando tutti i dialetti italiani (21 agosto). Enzo Iacchetti trova la scusa di un’intervista confidenziale per raccontarsi in uno spettacolo cabaret che svela aneddoti e segreti di una carriera di successo (22 agosto). E poi ancora Giobbe Covatta. Leggerà la sua personale versione della Divina Commedia tutta dedicata ai diritti dei minori: contenuti divertenti ma temi seri e drammatici (23 agosto).

Non poteva mancare Simone Cristicchi. Il suo concerto con Gnu Quartet rinnova a distanza di dieci anni un incontro artistico che riarrangia in maniera sorprendente

il repertorio del cantautore romano (25 agosto).

Gran finale con Ginevra Di Marco. Farà uno spettacolo tutto dedicato alla “cantora” argentina Mercedes Sosa e ai poeti sudamericani che hanno scritto per lei canzoni dalla parte dei più deboli (26 agosto). —

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro