Quotidiani locali

il progetto 

In arrivo quasi 8 milioni di euro per la nuova scuola di Ribolla

Il Comune di Roccastrada al 15° posto in Toscana per il piano di edilizia scolastica Verrà costruito un polo innovativo e sostenibile dal punto di vista ambientale





Il Comune di Roccastrada, piazzandosi al 15° posto su oltre 500 progetti presentati da Comuni e Province toscani nel Piano regionale triennale 2018 – 2020 di edilizia scolastica, ha ottenuto quasi otto milioni di euro per la nuova scuola di Ribolla, che così diventa realtà.

Le vicissitudini giudiziarie, i disagi per bambini e famiglie, le difficoltà economiche riscontrate a seguito della chiusura della scuola – tutti problemi innescati da un esposto alla Procura della consigliera di minoranza Simonetta Baccetti – sono adesso alle spalle: la scuola di Ribolla è stata ammessa a finanziamento e potrà contare su 7 milioni e 780mila euro a fondo perduto stanziati dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti con specifico bando. Le risorse andranno ad aggiungersi ai 500mila euro già ricevuti dalla Regione Toscana per il primo lotto della nuova scuola e potranno, finalmente, dare concretezza a un intervento atteso dalla comunità locale. A settembre, come previsto dall’iter ministeriale, il progetto sarà inserito nella programmazione unica nazionale ed entro la fine del 2018 è prevista l’autorizzazione che darà il via ufficiale alle procedure di gara da parte del Comune di Roccastrada e, successivamente, all’affidamento dei lavori. Francesco Limatola, sindaco di Roccastrada, ieri era raggiante: «Il sogno di dare a Ribolla una nuova scuola diventa finalmente realtà – commenta – L’ottima posizione conquistata nel Piano regionale triennale rende merito a un progetto di qualità che si tradurrà in un polo scolastico innovativo, attento alla sostenibilità ambientale, all’efficientamento energetico e capace di rispondere alle esigenze di una didattica moderna, con aule molto grandi, spazi collettivi, palestra e giardino. L’intervento farà parte della riqualificazione urbanistica prevista nell’intera area dove sorgerà, individuata nei nuovi strumenti urbanistici recentemente adottati».

Le grandi difficoltà vissute nei mesi scorsi con la struttura scolastica attuale alla fine hanno confermato il buon operato del Comune: la vicenda si è chiusa infatti con il dissequestro del plesso e la possibilità di riportare gli alunni regolarmente in aula da settembre, in attesa del nuovo edificio. La Regione ha sempre supportato il Comune, sia per dare concretezza alla nuova scuola che per rispondere all’emergenza dei mesi scorsi. Soddisfatto anche Leonardo Marras, consigliere regionale, ma soprattutto roccastradino. «La notizia di questo finanziamento ministeriale era attesa e il risultato raggiunto da Roccastrada è pieno e meritato. Nei mesi scorsi l’amministrazione comunale ha saputo gestire l’emergenza e oggi

è il momento della soddisfazione. La comunità aspetta da tanto tempo una scuola nuova e l’investimento era impossibile con le sole casse comunali. Grazie alla scelta dei governi precedenti, ci sono risorse adeguate per l’edilizia scolastica e speriamo che non si torni indietro». —

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro