Quotidiani locali

castel del piano 

Rette meno care al nido Nell’Unione dei comuni si pagherà il 60% in meno

Il ministero dell’Istruzione elargisce un finanziamento di oltre 200mila euro Chi ha figli da 0 a 6 anni godrà di uno sconto 

CASTEL DEL PIANO

Ottime notizie per i nidi d’infanzia dell’Amiata: aumentano i servizi e si abbassano del 60% le tariffe per le famiglie.

L’Unione dei comuni Amiata grossetana ha ottenuto dal ministero per l’Istruzione, l’università e la ricerca un finanziamento di 200.657 euro per la promozione del sistema integrato dei servizi di educazione e istruzione per i bambini da zero a sei anni.

I comuni dell’Unione hanno ricevuto dalla Regione Toscana l’indicazione di considerare prioritario l’abbattimento delle tariffe di nidi e scuole d’infanzia e di operare per ampliare l’offerta di servizi esistente.

La giunta dell’Unione ha stabilito dunque di realizzare le seguenti iniziative: attivazione del centro estivo di infanzia nei comuni che ne sono al momento privi e incremento di due ore in quelli già esistenti; incremento di due ore dell’orario pomeridiano per il nido estivo di Arcidosso e Santa Fiora; ampliamento del calendario e prolungamento dell’orario per i servizi extrascolastici di Arcidosso e Santa Fiora; contributo alla scuola paritaria Rosa Tiberi Guarnieri Carducci di 10mila euro.

E infine abbattimento della quota a carico della famiglia pari al 60% per i seguenti servizi: nido d’infanzia e sezione estiva del nido di Arcidosso e Santa Fiora; servizi educativi extrascolastici dei comuni di Arcidosso e Santa Fiora e centro estivo infanzia nei comuni dell’Unione.

Il presidente dell’Unione dei comuni Amiata grossetana Jacopo Marini è soddisfatto. «Sono buone notizie per le famiglie – commenta –. Un’operazione a cui l’Unione ha lavorato molto. Ci preme sottolineare che i servizi erogati nell’Amiata grossetana sono di ottima qualità e i costi, paragonati a quelli delle città, sono di gran lunga meno onerosi».

Marini riconosce che l’Amiata sconta un disagio di natura logistica e che è penalizzata per la viabilità e per trovarsi in posizione periferica rispetto al capoluogo, Firenze, «ma è pur vero – prosegue – che in quanto a servizi per bambini e ragazzi l’offerta è di altissimo livello e i costi abbattuti. Basti pensare a questa opportunità dei nidi, ad esempio, in cui le famiglie vedono diminuire l’onere dei costi addirittura del 60%. Ma basti pensare ad altri servizi utili a giovani e giovanissimi: musica e sport, ad esempio, a cui l’accesso è possibile a

prezzi davvero competitivi».

Per questo, a nome dell’Unione che presiede, «non possiamo che essere soddisfatti dunque – commenta Marini – di questa operazione voluta con forza dall’Unione e a cui il ministero ha dato concreta risposta all’ente e soprattutto alle famiglie». —

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro