Quotidiani locali

Lo yacht da 400 milioni di euro approda a Marina di Grosseto - Video

Scalo in Maremma per la barca a vela più grande al mondo per far salire l'armatore, il miliardario russo Melnichenko

Parte da Marina di Grosseto il mega yacht da 425 milioni di dollari Ormeggiata fuori dal porto c'era "A", la barca a vela più grande del mondo, di proprietà del magnate russo Andrey Melnichenko. Che, con moglie e figlia a seguito, si è imbarcato dalla Marina di San Rocco dopo alcuni giorni di vacanza in ToscanaL'ARTICOLO

MARINA DI GROSSETO. Cosa c’è all’orizzonte? Un mercantile? Una nave da crociera? Un’isola galleggiante? Tutti a scrutare l’orizzonte sulla spiaggia di Marina di Grosseto. Ormeggiata fuori dal porto c’è “A”, la barca a vela più grande del mondo, un megayacht di proprietà del magnate russo Andrej Melnichenko, 46 anni, nato in Bielorussia e con passaporto russo, settimo uomo più ricco di Russia, 88° del mondo, 13,5 miliardi di dollari il patrimonio stimato da Forbes, che ha fatto fortuna nel settore dei fertilizzanti, del carbone e dell’energetico. Melnichenko, con la moglie, la cantante pop Aleksandra Nikolic, 41 anni, e la figlia, si è imbarcato dalla Marina di San Rocco, il porto di Marina di Grosseto, alla volta di una nuova crociera al largo della Toscana. “Nuova”, perché nei giorni scorsi lo yacht ha stazionato all’Elba, isola prediletta dal multimiliardario. I numeri della “vacanzuola” sono davvero da capogiro.

Nautica, i grandi yacht "firmati" da cantieri toscani Stilisti, principi e capitani d'industria: ecco 19 grandi yacht realizzati da imprese toscane - L'ARTICOLO

Lo yacht, progettato da Philippe Starck, costruito in Germania e varato a Gibilterra, misura 143 metri di lunghezza, 25 di larghezza, ha una stazza lorda di 12.600 tonnellate, con tre alberi da 90 metri e un sistema di propulsione ibrido diesel-elettrico, con idrogetti al posto delle vecchie eliche, da usare in caso di assenza di vento. Ospita al suo interno una grande piscina e un osservatorio subacqueo; uno dei ponti è attrezzato per l’atterraggio degli elicotteri. Altre curiosità: la “A” ha vetri a prova di bomba, quaranta telecamere di sicurezza installate – semmai qualcuno pensasse di tentare l’arrembaggio – e un unico schermo touch screen dal quale si possono governare tutte le funzioni della barca. Le cui vele hanno una superficie superiore a quella di un campo di calcio. “A” batte bandiera delle Bermuda ed è una barca unica nel suo genere, anche – inutile girarci intorno – per quanto è costata. Ovvero, udite udite, 400 milioni di euro. A bordo, sessanta persone tra equipaggio e ospiti, e svariati tender da 12 a 16 metri. Tre di questi ieri pomeriggio sono andati a prendere al porto di Marina di Grosseto armatore, famiglia, cagnolino (salito a bordo in braccio a gospodìn Melnichenko) e bagagli.

La famiglia Melnichenko è arrivata a Marina in Rolls-Royce grigio scuro dopo essere atterrata all’aeroporto Baccarini di Grosseto. Trasportati a bordo anche ospiti e personale vario, tra cui due insegnanti di tedesco e di arte. Un passaggio veloce, anche se parte degli ospiti, arrivati qualche ora prima, hanno pranzato al ristorante del porto, ma che ha comunque creato curiosità e una valanga di foto e selfie da tutta la costa marinese, ieri affollatissima per il sabato di mare. Dove è diretto adesso “A” ? La destinazione non si conosce, ma di certo non sarà difficile scoprirlo. Insomma, una barca così non passa certo inosservata.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro