Quotidiani locali

Il sindaco di Capalbio Luigi Bellumori sottolinea le inadempienze di Ato Il servizio sarebbe insoddisfacente soprattutto nella Piccola Atene 

Due milioni e mezzo per la pulizia «Controllerò personalmente»

il retroscenaGROSSETO. Nei giorni scorsi si è svolto un incontro tra Sei Toscana, gli amministratori straordinari della società, Cooplat, Ato Toscana Sud e gli otto comuni dell’area grossetana:...

il retroscena

GROSSETO. Nei giorni scorsi si è svolto un incontro tra Sei Toscana, gli amministratori straordinari della società, Cooplat, Ato Toscana Sud e gli otto comuni dell’area grossetana: Grosseto, Monte Argentario, Castiglione della Pescaia, Magliano in Toscana, Isola del Giglio, Capalbio, Manciano e Orbetello.

Nel corso dell’incontro Sei Toscana ha annunciato la volontà di investire circa due milioni di euro in mezzi e attrezzature che saranno utilizzati nello svolgimento dei servizi negli otto comuni. Inoltre il gestore ha proposto di attivare in via sperimentale la procedura di controllo e monitoraggio della qualità dei servizi erogati, già a partire dal mese di luglio. Questo per permettere di valutare effettivamente il livello di qualità prestato e introdurre, in accordo con le amministrazioni comunali interessate e l’autorità di ambito, ulteriori miglioramenti al servizio. Non tutto, però, è filato liscio. Per quanto riguarda Capalbio, per esempio, il sindaco Luigi Bellumori, prima dell’incontro, ha evidenziato al direttore Paolo Di Prima alcune inadempienze e omissioni di Ato, insistendo «sul ruolo di sindaci – spiega Bellumori – che vestono la doppia giacchetta di membri Ato con potere di indirizzo e al tempo stesso titolari di posizioni di governance di impianti fuori dal perimetro di gara; e ancora l’inattendibilità del ruolo di garanzia di Ato e di entrambi i presidenti (quello dell’assemblea e quello del consiglio direttivo). Infine l’incapacità di recuperare, nel breve, almeno per i territori della Maremma, il controllo pubblico del ciclo dei rifiuti».

Bellumori ha poi chiesto di incontrare i commissari Anac, riunione che avverrà nelle prossime settimane. «Non sono affatto soddisfatto del servizio che viene reso a Capalbio da Sei Toscana – conclude Bellumori – noi paghiamo regolarmente qualcosa che non funziona e come sindaco non intendo essere preso in giro. Questo sfogo al netto della disponibilità degli operatori locali, che sicuramente

cercano di fare il possibile rispetto a quanto previsto nel contratto. Per esempio nel mese di luglio seguirò personalmente i lavaggi dei cassonetti. È bene che facciano al più presto ciò che ci è stato promesso». — G.B..

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro