Quotidiani locali

Emergenza e soccorsi La mappa dei servizi

Mezzi e personale potenziati in tutta la provincia: 38 postazioni 

GROSSETO. Arriva l’estate e come ogni anno si intensificano in tutta la provincia i servizi di emergenza e urgenza dell’Asl a partire dall’ampliamento delle Postazioni di emergenza territoriale del 118, arrivando così a un totale di 38 postazioni attive per tutti i dodici mesi, articolate su 4 automediche e relative ambulanze Blsd, 5 ambulanze con medico a bordo e 9 ambulanze con infermiere a bordo (di cui sei attive 24 ore su 24), 19 ambulanze Blsd con soccorritori di livello avanzato (di cui sette h 24 e dodici h 12).

SULLA COSTA. Come negli anni passati, è soprattutto sulla costa che verranno incrementati i servizi grazie all’apertura di nuove postazioni territoriali estive e l’aumento delle attività assistenziali: a Follonica, nel punto di primo soccorso sarà garantita la presenza di un infermiere dalle 8 alle 20, dove i cittadini possono recarsi anche per casi di bassa emergenza, oltre che per le prestazioni di base; inoltre sarà attivata un’ambulanza. A Marina di Grosseto, dove entrerà in servizio un’ambulanza infermieristica h 24 dal primo luglio al 31 agosto; a Porto Santo Stefano, dove fino al 15 settembre è prevista l’estensione alle ore notturne della pet infermieristica che quindi coprirà interamente le 24 ore e all’isola del Giglio dove sarà disponibile la postazione medica h 24 fino al 15 settembre.

NELL’INTERNO. Oltre che nelle località citate, le pet sono in funzione, per tutti i dodici mesi, ad Albinia, Scarlino, Cinigiano, Santa Fiora, Castell’Azzara, Semproniano, Magliano con orari di attività non costanti nelle 24 ore; Capalbio, Castel del Piano, Castiglione della Pescaia, Follonica, Grosseto, Manciano, Massa Marittima, Orbetello, Paganico, Pitigliano, Roccalbegna, Roccastrada, Scansano, aperte per le intere 24 ore.

SICUREZZA PER TUTTI. «L’estate è un periodo strategico per tutta la provincia di Grosseto – dice il direttore del Dipartimento di emergenza urgenza aziendale, Massimo Mandò – l’Azienda sanitaria sta facendo ogni sforzo per garantire la sicurezza dei turisti e di tutti i cittadini. In questo quadro, svolge una funzione strategica l’elisoccorso, che consente in tempi rapidi la copertura di tutto il territorio, isole comprese».

LA CENTRALE UNICA. Il modello organizzativo della Rete emergenza urgenza relativa al territorio Grosseto-Siena, si basa su un sistema di ambulanze del volontariato, ambulanze con sanitario a bordo, automediche, elisoccorso, che si integrano e si supportano, con la regia della Centrale operativa, che coordina tutte le fasi del soccorso.

In centrale sono presenti tre postazioni di ricezione con un operatore-infermiere che risponde alle chiamate di emergenza e, dopo aver processato la chiamata, attribuisce un codice-colore in base alla gravità dell’evento. Dopodiché, per via informatica, questa codifica viene trasmessa ai 2 operatori del volontariato (Misericordie e Pubbliche Assistenze senesi) che operano presso le due postazioni di gestione-mezzi, i quali attivano la risorsa territoriale appropriata. Una delle postazioni con infermiere viene identificata come “postazione master”, con il compito di regolazione degli interventi di maggior complessità ed è garantita da personale con maggior esperienza. Esiste poi la postazione del medico di Centrale, che ha il compito fondamentale di fornire consulenze di appoggio al personale sul

territorio in caso di necessità e, più in generale, svolge un ruolo di supervisione dell’attività nel complesso. Infine, esistono altre 2 postazioni, garantite dal personale del volontariato grossetano (CRI, Misericordie e Pubbliche Assistenze) dove vengono gestiti i servizi urgenti.

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro