Quotidiani locali

Argentario, corsa sul filo del rasoio

Borghini avanti, Priscilla Schiano nella notte ha un malore

MONTE ARGENTARIO. Affluenza in lieve calo in tutti e quattro i Comuni della provincia di Grosseto chiamati ieri al voto per la scelta del nuovo sindaco. Anche a Monte Argentario (meno 1,85%), il più popoloso dei quattro e certamente quello sul quale erano maggiormente accesi i riflettori del voto locale 2018.

E proprio da Porto Santo Stefano e Porto Ercole sembra arrivare la sorpresa di giornata: dopo dieci anni ininterrotti di governo, e in controtendenza con tutti gli ultimi voti nazionali, qui il centrodestra rischia di perdere. Pur nei risultati parziali, lo spoglio delle schede ha visto subito un leggero vantaggio di Franco Borghini rispetto a Priscilla Schiano, che lo seguiva a breve distanza. Solo in due sezioni, intorno a mezzanotte e mezzo, la vicesindaca uscente è stata in vantaggio per una manciata di voti. Ma il candidato della lista Proposta Comune è rimasto avanti in ogni sezione di circa 20/30 voti. Più indietro Luigi Scotto, che difficilmente ha superato il 20-25%. Momenti di tensione poco prima delle 1 di notte: la vicesindaca Schiano ha avuto un malore ed è svenuta fuori dalla scuola. Soccorsa da un’ambulanza.

Per quanto riguarda la lista di Borghini, è rimasta civica nonostante la presenza di alcuni esponenti della vecchia segreteria del Pd argentarino, uscito dal direttivo dopo il congresso, siano rimasti ad appoggiarlo, formando il comitato democratico per l’Argentario.

Diversi gli approcci dei tre candidati durante l’intensa giornata elettorale.

C’è chi ha deciso di “presidiare” la zona, rimanendo in attesa per lunghi tratti della mattina e anche del pomeriggio, come Priscilla Schiano e Luigi Scotto. Chi invece, come Franco Borghini, ha preferito restare in disparte, recandosi alle urne la mattina presto, praticamente all’apertura dei seggi, per poi lasciare la scuola elementare e dedicarsi a fare il nonno con i suoi nipoti, per poi tornare in serata. Quasi tutti i candidati come consigliere comunale delle tre liste, invece, sono rimasti a lungo nel piazzale della scuola elementare al Valle di Porto Santo Stefano e in quello di via Campagnatico a Porto Ercole, a dimostrazione di un lunga e sentita campagna elettorale partita sei mesi fa. Dal punto di vista dell’ordine pubblico tutto è andato liscio: soltanto qualche piccolo problema si è verificato durante la mattinata nel seggio di via Campagnatico a Porto Ercole, quando alcuni rappresentanti di lista sono stati allontanati da una sezione a causa di una sosta un po’ troppo prolungata al suo interno. Complice la bella di giornata di sole argentarina, comunque, l’affluenza dei votanti si è susseguita un po’ a tratti, con molti dei residenti che hanno probabilmente deciso di trascorrere qualche ora in spiaggia e andare a votare nelle prime ore mattutine o, in alternativa, in quelle serali. Il primo dato rilevato alle 12, infatti, stabiliva una percentuale del 26,66%, a fronte di 2818 votanti. Dato salito al 52,57% alle 19, con 5557 degli aventi diritto recati alle urne, su un totale del corpo elettorale di 10569 persone. Numeri

comunque destinati a crescere nelle ore serali con un clima più fresco. Il dato finale dell’affluenza di voto a Monte Argentario, alle 23, ha segnato un 67,30%, contro un 69,15% della tornata precedente. Il numero totale dei votanti è stato di 7.113.

Andrea Capitani

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro