Quotidiani locali

Turismo, scontro in consiglio sulle presenze

Più persone in città ma gli incassi della tassa diminuiscono. Il sindaco: «Non si paga tutto l’anno»

MASSA MARITTIMA. Due visioni del turismo diametralmente opposte: lunedì sera il consigliere d’opposizione Alessandro Giuliani e il sindaco Marcello Giuntini hanno parlato di accoglienza nel Comune di Massa Marittima in occasione del consiglio comunale.

Il consigliere del partito Repubblicano non vede di buon occhio l’adesione del Comune al neocostituito ambito “Maremma Toscana area nord”, primo in tutta la Toscana a essere riconosciuto dalla Regione. Un ambito costituito da tutti i Comuni della zona con il fine di fare squadra e promuovere in maniera coordinata il turismo e l’accoglienza: «Non sono convinto che la soluzione dell’ambito possa portare frutti perché le spinte non partono dall’alto – ha detto Giuliani – non può essere un ente a dire agli operatori come fare e dove fare». E Giuliani non legge positivamente neanche i dati relativi al turismo nel Comune: «A Massa Marittima si è sempre dato la precedenza alle piccole aziende che volevano diversificare l’offerta facendo due o tre camere – ha continuato Giuliani – un’operazione che è andata a discapito della qualità. Se prendiamo esempio da Castiglione della Pescaia avremmo dovuto investire in cose diverse». E il consigliere ha lanciato una provocazione: «Se a Castiglione vanno bene i campeggi facciamo i campeggi, non si è mai cambiato rotta da anni. Massa Marittima è statica e le attività del territorio ne risentono senza dubbio». Il capogruppo di maggioranza Flavio Zazzeri ha poi commentato i dati relativi alla tassa di soggiorno del Comune: «I numeri della tassa di soggiorno non tornano perché la tassa è diminuita ma le gente è aumentata – ha detto – La tassa non incide sugli operatori ma sui turisti e probabilmente è il caso di fare accertamenti su questa situazione per capire il motivo di questa differenza». «La tassa – ha risposto il sindaco Giuntini – come gettito riscosso è andata sempre aumentando. Le differenze che si possono vedere tra presenze e tassa dipendono forse dal fatto che la tassa nel nostro comune non si paga tutto l’anno ma solo in determinati mesi e solo i primi sette giorni del soggiorno. Inoltre – ha aggiunto Giuntini – i bambini, non pagano nessuna tassa. Quindi non c’è proporzionalità esatta con le presenze». I dati sul turismo per Giuntini sono positivi: «Dal 2013 al 2017 le presenze del comune di Massa Marittima sono aumentate del 33% su tutto l’ambito dell’area nord, la fonte è la Regione Toscana – ha detto – Queste sono le migliori performance dell’area nord. I numeri crescono solo Massa Marittima, Castiglione e Follonica. Scarlino cresce poco mentre Gavorrano,

Montieri e Monterotondo e Roccastrada non crescono». Giuntini ha infine fatto dei raffronti: «Volterra fa soltanto cinquemila presenze più delle nostre mentre Montalcino fa i nostri stessi numeri. Pienza invece ha dei numeri inferiori» ha concluso il primo cittadino.(g.s.)

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro