Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
Turismo, otto Comuni fanno squadra

Turismo, otto Comuni fanno squadra

I sindaci creano un nuovo “ambito”: è il primo riconosciuto dalla Regione. Gestiranno insieme informazione e accoglienza

GROSSETO. Otto comuni della zona nord, tutti a guida centrosinistra – Follonica Castiglione della Pescaia, Gavorrano, Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Montieri, Roccastrada e Scarlino – hanno firmato ieri la costituzione del nuovo ambito “Maremma Toscana area nord”, primo in tutta la Toscana a essere riconosciuto dalla Regione. Cosa significa? Che le amministrazioni faranno squadra per promuovere in maniera coordinata il turismo e l’accoglienza. Si uniscono forze e risorse per raggiungere obiettivi comuni.

«Ci siamo scelti e piaciuti – ha detto Andrea Benini, sindaco di Follonica (il comune capofila) – abbiamo cercato uno strumento per fare rete, che desse valore aggiunto e moltiplicasse la nostra capacità di marketing. Da oggi in avanti saremo un territorio unico, più ampio, plurale».

In pratica il turista che soggiorna a Follonica avrà qualche “sollecitazione” in più a visitare anche Massa Marittima, le Biancane di Monterotondo, oppure il borgo di Roccatederighi. E viceversa.

Quello che è partito ieri è in realtà il frutto di un lavoro piuttosto lungo, un percorso costruito nel tempo.

Nel comprensorio degli otto comuni si contano 91 esercizi nel settore alberghiero per 7. 700 posti; di questi il 21,2 per cento a 4-5 stelle, il 68,9 per cento tra 3 stelle e residenze turistico-alberghiere e il 9,9 per cento 1-2 stelle; 429 sono invece gli esercizi extralberghieri, per trentatremila posti letto (l’81,1 per cento del totale) tra agriturismi, campeggi e villaggi. Nei comuni della zona, dal 2013 a oggi, si registra una crescita costante degli arrivi: dai 353.355 di cinque anni fa ai 441.928 del 2017, con le presenze turistiche che sono passate da 2.380.663 a 2.570.517.

«L’incremento degli arrivi si collega al lavoro che stiamo facendo sulla destagionalizzazione – ha spiegato Giancarlo Farnetani (primo cittadino di Castiglione della Pescaia) – e a restare più a lungo è il turista straniero con una media di sette giorni. L’italiano si ferma in media cinque giorni, tempi comunque più lunghi rispetto al dato regionale, come è normale per un turismo di mare».

«Gli obiettivi che ci poniamo – hanno concluso gli otto amministratori – sono strategici. Puntiamo a creare sinergie che potranno attivare nuove iniziative e progetti per far conoscere sempre di più le eccellenze paesaggistiche, enogastronomiche, storiche, culturali e sociali che i nostri paesi possono offrire, sviluppando canali già attivati e potenzialità fino a oggi inespresse».

È stato fatto l’esempio dell’ippodromo di Follonica.

Il primo passo previsto dalla convenzione sarà la gestione associata delle attività di informazione e accoglienza turistica a carattere sovracomunale, sotto il ruolo di capofila del Comune di Follonica.

L’ambito territoriale, inoltre, prevede la costituzione di un unico osservatorio turistico, che sarà lo strumento per analizzare meglio i flussi turistici e calibrare

le politiche di promozione.

A questo si unirà anche la possibilità di offrire pacchetti turistici omogenei ai visitatori, sviluppando collaborazioni con gli altri ambiti territoriali, a partire da quello della “Maremma Toscana Area Sud”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro