Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
L’acqua del sindaco diventa birra

L’acqua del sindaco diventa birra

Antonfrancesco Vivarelli Colonna alza il boccale: sulla bottiglia il marchio con la sua immagine

GROSSETO. È diventato un astronauta in orbita Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sull’etichetta dell’ “Acqua del sindaco”, la birra inventata da Alessio Viti e prodotta dal microbirrificio In bocca al luppolo di Follonica. E ieri pomeriggio il sindaco, alle 18,30, si è presentato puntuale all’appuntamento nel locale Birra&Basta, in via Garibaldi. Leggera quasi come l’acqua e buona come solo le migliori birre sanno essere: è questo che uscirà dal fusto sulla cui spina campeggia l’immagine del sindaco.

«È stata una grande sorpresa per me scoprire che questi giovani ragazzi abbiano voluto omaggiarmi dedicandomi una birra dall’etichetta divertentissima - ha detto il sindaco durante la presentazione - Ragazzi che sono anche giovanissimi imprenditori, cui va tutta la mia stima per lavorare con passione e per partorire idee spumeggianti. Li abbraccio caldamente con un sorriso e con la speranza che i loro sogni si realizzino perché sono ragazzi come loro che fanno grande l’Italia di oggi e quella di domani. Sono insieme a loro nelle vittorie e nelle sconfitte».

Nonostante la giornata campale, cominciata all’alba con l’appuntamento a Nomadelfia per la visita di papa Francesco, il sindaco è voluto passare a salutare Viti e i suoi collaboratori e ad assaggiare la birra che porta il suo nome. Come Baffo Moretti, Vivarelli Colonna è finito sul marchio della birra con

una tuta spaziale addosso e la fascia da primo cittadino, grazie all’idea di Viti. «Si chiama acqua del sindaco per riproporre un detto popolare - dice - È una birra molto leggera, con bassa gradazione e beverina».

Da gustare nel boccale, rigorosamente, aspettando l’estate.

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro