Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
Con la due giorni di Olearie sale in cattedra  l’olio dop
SEGGIANO

Con la due giorni di Olearie sale in cattedra l’olio dop

“Olearie 2018”: Seggiano domani e domenica ospita un evento che è nato per esaltare l’Olivastra seggianese e l’identità di un territorio

SEGGIANO. “Olearie 2018”: Seggiano domani e domenica ospita un evento che è nato per esaltare l’Olivastra seggianese e l’identità di un territorio. Organizzata dal Consorzio Seggiano dop, dallo stesso comune di Seggiano e dalla Fondazione le radici di Seggiano, “Olearie” ha in serbo varie novità come le location dell’evento, quest’anno dislocato in vari palazzi e piazze del borgo.

Nell’ex municipio si possono degustare gli oli delle 10 aziende certificate Dop Seggiano. Fulcro di Olearie, la piazzetta del Cisternone con due convegni. Il primo è domattina alle 9,45 dal titolo Seggiano dop, la costruzione del paesaggio rurale dell’olio a cui parteciperanno esperti e istituzioni. E il secondo sul tema “Territorio e insediamenti di Seggiano e dell’Amiata nei secoli”. Tutto il centro storico sarà coinvolto per il “Fuori Olearie” dove degustare e acquistare prodotti locali e in piazza la Fonte ci sarà un book shop su paesaggio arte e cultura locale. Coinvolte aziende che si trovano nelle campagne, come il castello di Potentino dove si svolgerà una cena di gala domani. Aperti e visitabili il museo dell’olio, l’olivo del cisternone, primo esempio mondiale di una pianta di olivastra alimentata con la tecnica aeroponica, cioè con le ardici sospese in vapori acquei e sostanze fitonutritive. È collocata nell’antica cisterna medievale. «Questo evento – commenta Luciano Gigliotti presidente del consorzio – si colloca fra le azioni indispensabili per far conoscere i nostri prodotti, intercettando l’attenzione di ristoratori, buyers e consumatori. Invito associazioni e istituzioni a organizzare un “Oltre olearie”, cioè un evento con le medesime finalità presso altra sede e altro periodo dell’anno».

Il sindaco Gianpiero Secco è entusiasta: «Occasione importante per celebrare in due giornate il nostro prodotto di punta – dice – e dargli la visibilità che si merita anche con l’apposito convegno di domani». Nei due giorni si può accedere con unico biglietto (prezzo 5 euro), sia al Museo dell’olio che al parco-museo dell’artista svizzero Daniel Spoerri. Domenica alle 17 è prevista la chiusura di Olearie al podere Montale, che è una delle aziende produttrici di Olio Dop Seggiano. Si assicurano navette gratuite per raggiungere il centro storico, Museo dell’olio e Giardino di Daniel Spoerri.

Una chicca è rappresentata dall’esposizione del primo olio di olivastra prodotto dal comune giapponese Shoji Inoue, dove esperti seggianesi sono andati per insegnare a quella comunità come si coltiva l’olivo. La spremitura sarà disponibile in mostra. Info 0564950972; 3345035334.

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro