Quotidiani locali

Un catamarano da 60 piedi per i diversamente abili

Elianto è stato messo in acqua sabato scorso e può trasportare fino a dieci persone Bagni e cabine sono attrezzate, la barca a vela viaggia grazie ai pannelli fotovoltaici 

FOLLONICA. Elianto, questo il nome scelto per il catamarano pensato dalla onlus follonichese Handy Superabile insieme associazione no-profit Ce.Tu.S., è stato messo in acqua sabato scorso al club nautico di Viareggio: si tratta di una barca a vela di 20 metri unica al mondo perché accessibile a tutti, ovvero senza barriere architettoniche, e sostenibile al cento per cento. Il progetto è stato realizzato nell’ambito di “Sole senza frontiere” dalla fondazione Mare Oltre onlus – che riunisce in sé Handy Superabile e Ce.Tu.S. – grazie al contributo, tra i vari, della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione Banca del Monte di Lucca.

Elianto è un catamarano di 60 piedi, realizzato nel cantiere Seven Stars – in grado di ospitare fino a dieci persone disabili: al suo interno sono presenti anche delle cabine letto con bagni completamente accessibili. L’idea è proprio quella di permettere a chi ha disabilità fisiche, psichiche e psicomotorie di poter viaggiare per mare imparando anche a navigare. C’è poi il valore aggiunto della sostenibilità energetica: Elianto è costruito in alluminio e legno riciclato con propulsione ad energie alternative. Il sole e il vento sono infatti il suo carburante visto che grazie ad un sistema di pannelli fotovoltaici l’eco-catamarano è energicamente indipendente. L’imbarcazione è poi realizzata senza l’impiego di derivati dal petrolio. «Tutto è nato dall’impegno di Handy Superabile per l’abbattimento delle barriere in mare e per la disabilità e da Cetus per quanto riguarda la biologia marina – ha detto Stefano Paolicchi presidente dell’associazione follonichese – Elianto è il girasole e proprio come questo fiore prende energia dalla luce solare grazie alle cellule fotovoltaiche di ultima generazione. Al momento il catamarano è pronto per navigare anche se manca ancora l’allestimento interno che verrà completato in un paio di mesi. Con Elianto si potranno realizzare delle crociere o dei corsi per far ottenere la patente nautica alle persone in carrozzina. Chiunque tramite la nostra associazione potrà fare richiesta per salire su questa speciale imbarcazione».

In accordo con le associazioni che si occupano del progetto saranno infatti svolte attività con programmazione di uscite in mare, partecipazione a eventi sportivi e manifestazioni. Nel primo e secondo anno di attività

Elianto girerà i vari porti italiani e mediterranei con lo scopo di sensibilizzare le persone sull’uso delle energie rinnovabili in barca e sull’abbattimento delle barriere architettoniche. L’anno successivo invece l’eco catamarano sarà impegnato nella sua prima traversata atlantica.

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro