Quotidiani locali

Critica un babbo che bestemmia: picchiato

Grosseto, aggressione in pieno centro per un uomo che stava portando fuori il cane: naso rotto e due denti saltati

GROSSETO. L’indifferenza è vigliaccheria, diceva Gramsci. C’è chi, però, per non essere indifferente di fronte a un genitore che bestemmia davanti a una bambina, facendola ridere, nel cuore della civile città di Grosseto qualche sera fa si è preso una testata in piena faccia e ci ha rimesso il setto nasale (rotto) e due denti (saltati).

L’aggressione è avvenuta a cavallo della mezzanotte tra il 2 e il 3 novembre, appena fuori Porta Nuova, vicino alle cabine telefoniche. La vittima è un uomo che ha passato la sessantina e che chiede di rimanere anonimo. «Ero uscito poco prima di mezzanotte per portare il cane a fare i bisogni – spiega – e ho fatto una passeggiata in centro storico. A metà corso Carducci vedo due coppie con una bambina e poco dopo sento che uno dei due, dall’accento sicuramente un italiano, bestemmia, e la bimba ride. Quella scena mi ha turbato e ferito. Come si fa a bestemmiare davanti a una bambina e continuare perché lei ride? Ma erano lontani e così ho proseguito per la mia strada».

Girato l’angolo a Porta Nuova verso via Manetti, l’uomo incontra di nuovo i quattro con la bambina e sente che le bestemmie continuano e la bambina continua a ridere. «Non ce l’ho fatta a trattenermi – spiega il proprietario del cane –, non ce l’ho fatta a sentire un uomo bestemmiare davanti a una bambina. E così gli ho detto: “Ma come pensa che verrà da grande? Al che quello mi ha detto: “Aspetta lì, che vengo”. E io mi sono fermato».

A quel punto, secondo il racconto dell’uomo, le due donne e la bambina sono salite in auto e si sono allontanate, mentre i due uomini, saliti in un’altra auto, si sono avvicinati. «Ho detto a quello che aveva bestemmiato che avrei potuto denunciarlo per vilipendio alla religione – racconta l’uomo – e così quello ha cominciato ad avvicinarsi, mettendomi il viso vicino al mio. Io per respingerlo gli ho messo una mano sul petto».

A quel punto la situazione degenera. «In quel momento – racconta l’uomo – mi ha colpito con una testata in piena faccia, poi un’altra, e un’altra ancora. Ho cercato di difendermi ma quello mi ha preso per il giacchetto e mi ha spinto fino a farmi cadere a terra».

Fortuna ha voluto che in quel momento passassero i carabinieri, che hanno messo fine all’aggressione e hanno raccolto i dati di entrambi. «Mi hanno detto che, se volevo, potevo sporgere denuncia – spiega l’uomo – e che potevo tornare a casa. Nel frattempo anche una pattuglia della polizia municipale si è fermata».

L’uomo, con la faccia ricoperta di sangue, si è avviato verso casa e da lì è andato al pronto soccorso per farsi medicare. «Mi ha spaccato

il naso e mi ha fatto saltare due denti – spiega – senza che io abbia detto niente di offensivo, ma abbia solo fatto notare che non si bestemmia davanti a una bambina». L’uomo è già stato operato al naso e nei giorni scorsi ha sporto denuncia al comando dei carabinieri.
 

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista