Quotidiani locali

roccalbegna

Addio al "Fondatore" dello storico caseificio Il Fiorino

Duilio Fiorini, 92 anni, è morto nella sua casa di Roccalbegna. I funerali martedì 10 ottobre

ROCCALBEGNA. Lutto sull'Amiata per la scomparsa di maestro dell'arte casearia, fondatore del caseificio che da sessant'anni dà lustro alla provincia di Grosseto e alle sue produzioni tipiche. È morto nella notte tra domenica 8 e lunedì 9 ottobre nella sua casa di Roccalbegna Duilio Fiorini, fondatore del Caseificio Il Fiorino.

Fiorini era nato nella cittadina amiatina 92 anni fa dove, nel 1957, aveva dato vita all’azienda, oggi guidata dalla figlia Angela Fiorini e dal genero Simone Sargentoni. Duilio era conosciuto da tutti come “Il Fondatore”.

La passione per il lavoro e per l’arte casearia ha segnato tutta la sua vita ed è stata la base sulla quale sono stati costruiti i grandi successi dell’azienda familiare. La sua professionalità, infatti, è stata determinante per la crescita del caseificio e molti dei prodotti di punta de “Il Fiorino” portano la sua “firma” e il suo contributo di esperienza. Fu definito dalla rivista il Gambero Rosso “il mago del pecorino”.

Lo scorso aprile, al Cibus Connect di Parma, era stato insignito con il premio alla carriera, in occasione dei 60 anni de Il Fiorino , per celebrare una vita dedicata in gran parte al lavoro, alla crescita della propria azienda e allo sviluppo del territorio.

Proprio quest'anno il caseificio Il Fiorino festeggia i sessant'anni dalla fondazione e lo scorso luglio l'azienda festeggiò, insieme al Tirreno _ che quest'anno celebra i 140 anni dalla fondazione _ il compleanno in una serata alla Cava di Roselle, durante la quale proprio Duilio Fiorini si raccontava in un'intervista, proiettata per il pubblico della Cava.I funerali si svolgeranno domani, martedì 10 ottobre, alle 16 nella Chiesa dei Santi Pietro e Paolo di Roccalbegna.

leggi anche:

Alla famiglia Fiorini sono arrivate le condoglianze del presidente del Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP, Carlo Santarelli, e del direttore Andrea Righini. “Esprimiamo il più profondo cordoglio per la scomparsa di Duilio Fiorini, uno dei promotori e fondatori del Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP e imprenditore tra i più illuminati della Maremma e della Toscana”, scrivono in una nota. “Le nostre più sincere condoglianze - continua la nota - vanno a tutta la famiglia Fiorini e, in particolare, alla moglie, alla figlia Angela e al genero Simone Sargentoni, che insieme a Duilio sono stati fino a oggi l’anima dell’azienda. Duilio è stato tra i primi artigiani del formaggio a credere e a investire nel valore della qualità del prodotto, essendo tra i soci fondatori del Consorzio tutela Pecorino Toscano nel 1985. Duilio lascia a tutta la comunità, non solo locale, un’eredità importante in termini di valori, passione per il lavoro e grinta imprenditoriale. Non è un caso, infatti, che anche quest’anno, in occasione dei 60 anni de Il Fiorino, siano stati attribuiti a Duilio e all’azienda importanti riconoscimenti, dal Premio alla carriera in occasione di Cibus Connect a Parma, lo scorso aprile, al Grifone d’oro, massimo riconoscimento civico della Città di Grosseto. La scomparsa del ‘Fondatore’, come lo hanno da sempre chiamato Angela e Simone, mancherà non solo alla Maremma, ma a tutto il settore caseario nazionale e a noi in particolare”.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics