Quotidiani locali

I TESORI DEL PASSATO 

Una casa medievale nel cuore del Parco

Tirata su nel cantiere di archeologia sperimantale di San Silvestro coordinato da Alessandro Fichera

GROSSETO. Tirare su una casa come avrebbero fatto nel Medioevo, squadrando i conci di pietra con scalpello e mazzuolo e usando il filo a piombo e la livella per murare. Questo l’obiettivo del cantiere di archeologia sperimentale “Medioevo in corso” ospitato dal Parco Archeominerario di San Silvestro a Campiglia Marittima (Livorno).

Tra i professionisti che vi hanno lavorato e che oggi alle 18 assistono all’inaugurazione della prima casa medievale in pietra ricostruita in Italia c’è anche un grossetano, l’archeologo Giuseppe Alessandro Fichera, presidente di Coopera, cooperativa formata da archeologi, guide ambientali e turistiche.

«La casa medievale – dice Fichera – si trova ai piedi della Rocca di San Silvestro. Il progetto è nato nel 2010 dalla collaborazione tra me, l’Università di Siena e la società Parchi Val di Cornia che da più venti anni gestisce in maniera esemplare una rete di musei e parchi archeologici e naturalistici nella zona di Populonia. Parliamo di un progetto unico nel suo genere perché esistono riproduzioni di case medievali ma per la prima volta è stata ricostruita una casa in pietra usando le tecniche di costruzione dell’epoca».

La casa si sviluppa su un unico piano, è composta da un solo vano ed è sormontata da un tetto a una falda coperto da lastre d’ardesia. Al suo interno si presenta in modo spartano ma ogni dettaglio, spiega l’archeologo, «è stato curato e ricostruito in modo filologicamente corretto». La casa riproduce esattamente l’abitazione di un minatore del castello di San Silvestro del XII secolo.

«Questo progetto rappresenta un balzo in avanti nella conoscenza di quel periodo – dice Fichera – grazie a un innovativo laboratorio a cielo aperto dove io stesso ho imparato a bottega il mestiere da un mastro costruttore. La teoria da sola non sarebbe bastata a dare risposta a una serie di domande. Dopo quindici anni passati a scavare e a studiare le architetture medievali di torri, chiese e castelli in giro per la Toscana, un dottorato di ricerca e tanti progetti all’estero (tra cui la partecipazione al grande cantiere internazionale per il restauro della Basilica della Natività di Betlemme, ndc.) finalmente sono riuscito a trasformare la teoria in pratica».

Gli interventi
che vengono inaugurati oggi alle 18 nel Parco archeominerario di San Silvestro con l’evento “Ogni pietra racconta una storia” sono stati resi possibili da un finanziamento della Regione all’interno del Piano della cultura 2012-2015. Info 0565 226445 e www. parchivaldicornia. it.

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie