Quotidiani locali

Il cimitero chiude alle 16, stop alle visite

Scarlino, polemiche al campo santo: il custode non riceve straordinari, in tanti restano fuori

SCARLINO. È stato un ponte dei Santi piuttosto burrascoso al cimitero di Scarlino, dove l’orario ridotto (seppur già annunciato) ha sollevato diverse polemiche da parte dei parenti dei defunti.

Il campo santo a valle del borgo, infatti, sia il 1º novembre che ieri, per le celebrazioni dei morti, ha chiuso il cancello alle 16.30. Anzi, spiegano alcuni scarlinesi, «martedì avrebbe chiuso anche prima, se non fosse che il custode ha temporeggiato un po’ di più».

Una decisione che l’amministrazione comunale aveva già annunciato da diversi giorni, anche attraverso il proprio sito istituzionale, ma che non è arrivata a tutta la comunità, visto il numero di persone rimaste fuori dal cancello.

«Io che lavoro con i turni ho sempre avuto poca possibilità di andare a portare un fiore a mia madre – dice una scarlinese –. E ora anche per i morti chiudono presto?».

La polemica ha fatto ben presto a spostarsi dalla piazzola ai social network, dove però c’è chi si è schierato dalla parte del custode, spiegando che non essendo previsti straordinari a suo carico né per la cooperativa Il Nodo che gestisce il cimitero, lui ha fatto bene a chiudere il cancello all’ora stabilita. «Fa il suo orario e punto» dice una scarlinese che conosce bene il cimitero.

«Ma il Comune non poteva impegnarsi a dare un’apertura più ampia?» chiedono anche i familiari rimasti fuori dal campo santo proprio il 2 novembre.

Una discussione

che è proseguita per tutta la giornata via social ma che è arrivata anche in municipio con alcune segnalazioni, con cui è stato richiesto, per il prossimo anno, di cercare di organizzare un’apertura più lunga per il cimitero comunale, almeno durante il ponte di Ognissanti. (a.f.)

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro