Quotidiani locali

la proposta di Filippo La Scala (garnell)

«Qui la capitale internazionale della vela»

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. «In perfetta sinergia è possibile portare a Castiglione un ambizioso progetto di formazione (attività che è diventata una delle nuove frontiere dei grandi investitori...

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. «In perfetta sinergia è possibile portare a Castiglione un ambizioso progetto di formazione (attività che è diventata una delle nuove frontiere dei grandi investitori internazionali) per le imprese aperte alle logiche e alle migliori pratiche dell’economia sostenibile. E ciò, tanto più, nell’ambito di un patto di sviluppo che veda la Maremma quale laboratorio d’innovazione negli ambiti agroalimentare, delle energie rinnovabili e del turismo sostenibile».

A parlare è Filippo La Scala, fondatore e amministratore delegato di Garnell, un advisor indipendente radicato a Castiglione della Pescaia anche grazie al sostegno dato al Club velico locale. L’azienda, che si occupa di energie rinnovabili, ha una proposta da fare: «Con un patto virtuoso tra pubblico e privato, tra imprese locali ed operatori economici, tra i diversi club nautici - tra cui il glorioso Club Velico Castiglione della Pescaia (nato nel 1961) ed il prestigioso Yacht Club Punta Ala (già challenger della sfida di Luna Rossa in Coppa America) - e l'amministrazione comunale e regionale, in collaborazione con le associazioni più rappresentative (Legambiente a Grosseto e la sua manifestazione più significativa - Festambiente - ai confini del Parco Regionale della Maremma), Castiglione della Pescaia può innanzitutto aspirare a diventare una piccola capitale internazionale della vela e delle regate, attraendo appassionati grazie a condizioni meteomarine molto favorevoli e un contesto ambientale e culturale unico».

Secondo La Scala, «con la collaborazione di tutte le parti in gioco, la costruzione di un calendario di manifestazioni veliche che richiamino la presenza di sportivi ed estendano la stagione turistica, arricchendola con iniziative di prestigio innalzando ulteriormente la qualità e la visibilità di Castiglione, è un obiettivo di immediata realizzazione. Non è utopistico immaginare che, coordinando le attività degli operatori economici locali, a partire da quelli che si occupano di ricettività, e favorendo lo sviluppo di un’offerta articolata che vada al di là della sistemazione alberghiera e della ristorazione, si potrebbero creare le condizioni non solo per attrarre un turismo più evoluto, anche in “bassa” stagione, ma anche per l’organizzazione dell’attività delocalizzata di grandi università e centri di ricerca, per seminari, campus e opportunità di concreta sperimentazione e realizzazione di progetti innovativi. Il che favorirebbe l'attrazione di capitali, d’idee, di sensibilità ed energie nuove, con tutte le immaginabili positive conseguenze». E quindi la promozione di un patto

di sviluppo più generale.

La Scala dichiara che intende chiedere incontri «con le istituzioni e le amministrazioni locali, le associazioni del territorio e gli operatori economici per promuovere questo progetto, affinché risulti inclusivo e partecipato dalle forze vive della società».

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro