Quotidiani locali

ARGENTARIO

Nuova gestione per la piscina Società infuriata

MONTE ARGENTARIO. La piscina comunale cambia gestione. Si è concluso ieri il bando per la società che si occuperà per la prossima stagione sportiva della struttura situata in via del Campone a Porto...

MONTE ARGENTARIO. La piscina comunale cambia gestione. Si è concluso ieri il bando per la società che si occuperà per la prossima stagione sportiva della struttura situata in via del Campone a Porto Santo Stefano. Ad aggiudicarselo non è stato però l’Argentario Nuoto - che negli ultimi anni si era adoperato a mandare avanti l’impianto - ma una società sportiva proveniente da Colle Val d’Elsa.

Il rammarico del presidente Roberto Costanzo, quindi è grande. «Abbiamo avuto la notizia di essere stati sbattuti fuori dalla gestione della piscina - dice il presidente dell’Argentario Nuoto - A vincere la gara, come successe molti anni fa, una società che viene da fuori. La nostra speranza è che la piscina “I tre ragazzi” non chiuda come in passato, ma migliori e noi possiamo svolgere senza problemi le nostre attività come previsto e nell’ottica che il bando sia fatto rispettare. Oggi pensiamo di essere stati messi da parte, per un progetto fatto sulle parole. Noi i fatti li abbiamo dimostrati in questi anni, sempre aperti nonostante le difficoltà che tutti all’Argentario conoscono e di questo la commissione non ha voluto tenere conto. Speriamo nella loro competenza, ma oggi la delusione si trasforma nella paura che la piscina non apra e che venga impedito ai nostri ragazzi di svolgere l’attività. Staremo attenti e vigili e nel contesto daremo incarico a un legale per verificare il lavoro e gli atti di giudizio della commissione». L’Argentario Nuoto non rimarrà comunque con le mani in mano. «Abbiamo presentato la relazione sulla base dell’esperienza di 10 anni di lavoro in quella piscina - prosegue - sapendo che molte cose non si possono fare. In passato abbiamo fatto progetti con le scuole e con Argentario Senza Ostacoli, se da fuori viene qualcuno che dice di essere più bravo di noi siamo contenti, ma devono rispettare il bando di gara. Tra le altre cose all’Argentario Nuoto devono essere garantite

30 ore settimanali gratuite. Come presidente ho paura che la piscina non possa aprire e che succeda come tanti anni fa, quando vinse una società che poi non aprì la piscina. La rabbia è che tutto questo è stato giudicato sulle chiacchiere e non sulle cose concrete».

Andrea Capitani

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro