Quotidiani locali

A piedi e in bicicletta Una splendida rete dall’Amiata al mare

Il Comune di Manciano capofila di un percorso in 7 tappe Unirà più territori fino ad arrivare a Porto S.Stefano

MANCIANO. Un percorso di 136 chilometri suddiviso in sette tappe che attraversa alcuni dei luoghi più belli e importanti della Maremma sia dal punto di vista storico che ambientale naturalistico: è il percorso Vetta Mare, con le sue splendide tratte di circa 15-20 chilometri l’una tranquillamente percorribili giornalmente da un ciclista o da un’escursionista di livello medio.

«Un progetto importante - spiega Giulio Detti, assessore al turismo di Manciano - Il comune di Manciano è capofila dell’iniziativa a cui partecipano ben nove amministrazioni. Il protocollo di intesa è definito, mancano gli ultimi passaggi in alcuni Comuni, poi partiremo con la cartellonistica. Sarà un prodotto di sicuro appeal per la Maremma».

Punto di partenza la vetta del Monte Amiata a 1738 metri sul livello del mare. I Comuni e i territori interessati sono, oltre Manciano, Arcidosso, Capalbio, Castel del Piano, Orbetello, Castell'Azzara, Sorano, Monte Argentario e Santa Fiora dove l’escursionismo a piedi e in bicicletta è una componente fondamentale del flusso turistico. Tutti i territori interessati condividono un importante patrimonio storico, archeologico e naturalistico e hanno da tempo progettato e realizzato una rete di sentieristica dedicata all’escursionismo. Il Comune di Manciano, nell’ottica di coinvolgere e unire molte realtà esistenti nell’area montana e nella parte sud della provincia, ha avuto l’iniziativa di riunire gli assessori al turismo e alla promozione territoriale dei vari territori per verificare se, partendo dal tracciato della via Clodia, esistessero possibilità concrete di creare una dorsale che li mettesse in collegamento. Tutti hanno risposto presente ed è stato ipotizzato un tracciato di 130 chilometri con l’uso di strade bianche e sentieri.

Per la realizzazione di quanto previsto dal protocollo d’intesa i Comuni aderenti si impegnano a garantire una somma totale di 15.500 così suddivisa: per Comuni con popolazione fino a 2.000 abitanti, 1.000 euro: dai 2001 ai 5000, 1.500 euro; dai 5.001 a 10.000 abitanti, 2.000 euro; oltre i 10.000 abitanti 2.500 euro.

Una volta partito dalla vetta il turista incontrerà Santa Fiora, bandiera arancione del Touring Club, centro storico conosciuto per essere stato la dimora della famiglia degli Aldobrandeschi. Poi scenderà verso Selva e Castell’Azzara attraversando due delle riserve naturali della provincia di Grosseto. Da Castell'Azzara arriverà a Sovana, uno dei “Borghi più Belli d’Italia” con il suo parco archeologico. Il percorso proseguirà per Poggio Murella dove si trova un’antica cisterna romana, “Castello Acquarum”. Il viaggio che l’escursionista farà lo porterà verso

Saturnia con le sue famose cascate verso Montemerano. Da qui a Manciano, spia della Maremma e verso la costa di Capalbio, Ansedonia, con la città di Cosa e il giardino dei Tarocchi. Poco più avanti il mare della Feniglia fino a Porto Ercole e Porto Santo Stefano.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro