Quotidiani locali

Liquami nel canale San Rocco? "È vero, succede quando piove forte"

Tiberio Tiberi, presidente dell’Acquedotto del Fiora, conferma che periodicamente le acque scure finiscono nel fosso Beveraggioe  da lì nel canale San Rocco

GROSSETO. Davvero le fogne nere si riversano, in alcune occasioni, nel fosso Beveraggio e da lì direttamente in mare come sostiene Roberto Barocci del Forum ambientalista? Tiberio Tiberi, presidente dell’Acquedotto del Fiora, conferma che, periodicamente, può accadere che la fognatura delle acque scure finisca nel fosso Beveraggio e da lì, senza passare dal depuratore, nel canale San Rocco, nel porto e poi in mare.

leggi anche:

«Le fogne – spiega Tiberi – sono dimensionate per una portata di molte volte maggiore rispetto al massimo carico che genererebbero tutti gli utenti, che è una grossa quantità ma non infinita. In alcuni tratti della rete ci sono fognature miste, di acque chiare e acque scure. E anche le fognature bianche in qualche modo sono diventate miste per scarichi abusivi, magari in buona fede, dei privati».

In queste fogne miste, la parte solida delle acque scure si deposita sul fondo e quella chiara più in superficie. «Quando piove – dice Tiberi – gli scolmatori di piena fanno uscire l’acqua in superficie rispetto a quella che va sul fondo. Se però è turbolenta, si miscela tutto». E tutto, cioè anche la fogna scura, si riversa, nel Beveraggio.

leggi anche:

«Va detto che sono sversamenti che durano mezz’ora, un’ora e succedono solo se piove molto forte. E non è che “succede”: è una cosa prevista», precisa Tiberi. «L’anno scorso non si è mai verificato, ma due anni fa è successo diverse volte». Il problema, e il presidente non lo nasconde, è che negli ultimi anni il meteo è un po’ cambiato, sono diventate più frequenti le piogge intense. «Rispetto ai cambiamenti climatici –dice il presidente – i paramenti con cui sono dimensionate le reti fognarie sono cambiati, si verificano più di frequente piogge intense e quindi gli scolmatori entrano in funzione più spesso».

Per rimuovere il problema bisognerebbe separare le fogne nere (di competenza dell’Acquedotto) da quelle bianche (di competenza dei Comuni) «oppure – dice Tiberi – laddove la separazione esiste, eliminare i corto circuiti». L’Acquedotto del Fiora ha progetti in varie località per metter mano alla fogna e separare la rete delle acque chiare da quella delle acque scure. «Pezzettino per pezzettino verranno sistemati, ma è un lavoro enorme», conclude Tiberi.

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro