Quotidiani locali

Accuse di inquinamento, Marina fa fronte compatto per tutelare la sua immagine

Porto, operatori e Comune insieme contro l'allarme lanciato dalle "iene maremmane". Il presidente Serra: "Chiederemo il sequestro del video"

MARINA DI GROSSETO. Fronte compatto per tutelare l’immagine di Marina di Grosseto e volontà di andare fino in fondo sul piano legale, chiedendo il sequestro del video e l’allontanamento dei suoi autori dalla zona del porto. “Siamo tutti uniti, siamo tutti sulla stessa barca. C’è volontà di lavorare insieme”.

Il sopralluogo dell'Arpat...
Il sopralluogo dell'Arpat all'idrovora di Marina di Grosseto (foto Agenzia Bf)

Il sindaco Emilio Bonifazi apre così la conferenza stampa convocata nella mattina di martedì 26 aprile al porto di Marina di Grosseto con una dichiarazione di unità di tutti gli operatori e delle istituzioni al fianco della Marina di San Rocco, la società proprietaria del porto che si è ritrovata con addosso un’accusa infamante _ inquinare la spiaggia _ a causa di un video diventato virale su Facebook, girato dalle autodefinitesi “iene maremmane” Lorenzo Mancineschi e Davide Rossi , e che mostra il funzionamento dell’idrovora usata all’imboccatura del porto e sul lato sud per spostare la sabbia e fare ripascimento sul lato nord.

Il sindaco: "Marina di Grosseto merita un'immagine pulita" Bonifazi rilancia l’invito ai turisti e tranquillizza sulla cura dell’ambiente (Video Agenzia Fotografica BF)L'ARTICOLO

Un’operazione che il porto esegue da 13 anni, che ancor prima veniva fatta dal Comune e sulla quale la stessa società, il Comune, la Regione e la guardia costiera hanno da subito allontanato dubbi di qualsivoglia natura. Stamani (martedì) il primo cittadino, l’assessore al turismo Luca Ceccarelli, la Marina di Scarlino con il suo presidente, l’avvocato Luciano Serra, che è anche presidente di Assonat, e l’amministratore delegato Felice Serra, la capitaneria di porto con il maresciallo Andrea Porzio e tutte le associazioni di categoria del commercio, della ricezione, dei balneari, i sindacati, la Pro loco e il Circolo nautico, si sono dati appuntamento per ribadire il concetto e per far fronte compatto contro le accuse.

Il porto di Marina di Grosseto (foto...
Il porto di Marina di Grosseto (foto Agenzia Bf)

Non si contano, infatti, le disdette di prenotazione per la stagione e le telefonate arrivate da tutta Italia di persone che hanno visto il video e che, preoccupate, hanno chiesto spiegazioni.

Domani a Grosseto arriverà anche la direttrice dell’Arpat Maria Sargentini per un incontro, che era già programmato, con i sindaci della costa in cui spiegherà le azioni dell’Agenzia a tutela del mare in vista della stagione (incontro in sala Pegaso alle 11).

“Accolgo in pieno le parole del sindaco Bonifazi: bisogna fare squadra tutti insieme”, dice Luciano Serra. Sul piano operativo, come già annunciato, l’avvocato sta preparando la denuncia “per diffamazione, calunnia e per essere entrato nel cantiere”, dice, contro le “iene maremmane”, delle quali è intenzionato a chiedere che non possano avvicinarsi al porto. Chiederà anche che il video venga sequestrato. “Il risarcimento danni lo gireremo al Comune e agli operatori locali”, ripete.

Il presidente del porto: "Uno choc per i nostri dipendenti" Luciano Serra annuncia querele contro gli autori del video sull’idrovora (Video Agenzia Fotografica BF)L'ARTICOLO

TUTTA LA STORIA IN 90 SECONDI

Il caso delle idrovore a Marina di Grosseto: inquinamento o bufala? Il video delle "iene maremmane" ha scatenato allarme e polemiche, molti turisti hanno disdetto le prenotazioni. Comune, operatori turistici e porto uniti nella difesa di Marina annunciano querele

 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro