Quotidiani locali

RESTAURO SPETTACOLARE

I muratori acrobati rimettono la croce sul campanile

Grosseto, sarà una squadra di tecnici esperti di lavori su corda a rimettere su il crocifisso del campanile della chiesa della Madonna della Medaglia miracolosa tirato giù dai vigili del fuoco nel 2014 perché inclinato. Con le loro tute gialle-azzurre e metri di corde in spalla hanno suscitato la curiosità di molti passanti

GROSSETO. C’è un’inaspettata novità per i parrocchiani della chiesa della Madonna della Medaglia miracolosa: torna al suo posto la croce del campanile, tolta da lassù dai vigili del fuoco nell’ottobre 2014 perché inclinato. A farlo svettare di nuovo saranno i muratori-restauratori volanti della genovese EdiliziaAcrobatica, specialisti nel lavorare sospesi nell’aria, legati e imbrigliati a delle corde. All’opera li abbiamo già visti: hanno rifatto il make-up al palazzo di Poste Italiane e si sono arrampicati sulla cupola del Sacro Cuore restituendo la basilica sicura ai parrocchiani, dopo che si era staccato un grosso pezzo di intonaco.

Ottobre 2014, i vigili del fuoco...
Ottobre 2014, i vigili del fuoco rimuovono la croce dal campanile (foto Bf)

Il sopralluogo. Lunedì 7 marzo 2016 i tecnici acrobati hanno allestito il cantiere: nelle loro tute giallo-azzurre e con le corde poggiate su spalla hanno suscitato la curiosità di chi – passando sulla via Roma – ha notato aperto il cancello dell’Istituto San Lorenzo, accanto alla chiesa. A lavorare a mezz’aria saranno i componenti di una squadra specializzata dell’EdiliziAcrobatica: Victor Galusca, coordinatore; Ciprian Varadi, capo squadra; Ottavio Puleo, assistente. Verrà fatta una manutenzione straordinaria delle tegole del campanile: serve per riposizionare la croce con assetto sicuro. Tornerà tutto come prima: non verrà alterata né la struttura né l’estetica.

leggi anche:

Per Pasqua. Il lavoro verrà fatto nei prossimi giorni: bisogna sperare che il meteo sia clemente. Certo è che per Pasqua il crocifisso sarà dove è stato per novant’anni: lo assicura Maria Bruna Santarelli, presidente della San Lorenzo Onlus, committente del lavoro che sarà svolto dall’EdiliziaAcrobatica.

Il benefattore. Era venerdì 27 novembre 2015, festa liturgica della Medaglia miracolosa, quando il vescovo Rodolfo Cetoloni celebrò una messa all’Istituto Casa San Lorenzo; nell’omelia fece appello alla sensibilità dei parrocchiani: per far tornare il crocifisso sul campanile servivano risorse. Il messaggio è stato ascoltato. «Abbiamo allestito un mercatino nella sala riunioni – spiega la direttrice Santarelli – con i prodotti del Monastero di Siloe (conserve, miele, olio..) e delle Clarisse di Paganica; e poi qui le signore hanno fatto ricami, lavori all’uncinetto, calze da notte». Sono stati raccolti 11.000 euro grazie anche ad un benefattore grossetano il cui nome è top-secret. «E grazie a Dio – continua Maria Bruna Santarelli – mi è stata consigliata questa ditta (L’EdiliziaAcrobatica): sono competenti e collaborativi».

La raccolta continua. La direttrice si rivolge ai parrocchiani e all’intera comunità-amica: «Voglio dire grazie a chi ci ha aiutato e a chi avrebbe voluto farlo ma non ha potuto farlo». L’appalto all’EdiliziaAcrobatica (che è un'impresa impegnata anche per portare gioia ai bambini nelle corsie degli ospedali, leggi qui )  assicura un bel risparmio rispetto all’investimento che si sarebbe dovuto sostenere se al ripristino del crocifisso avesse lavorato una ditta con metodi tradizionali: pensiamo ai costi delle impalcature... Undicimila euro però non bastano: chi volesse contribuire alla causa è ancora in tempo.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon