Quotidiani locali

M5s: «Bisogna accorparsi subito»

Pentastellati e Scelta partecipata spingono per il nuovo ente: «Ci saranno fondi»

SORANO. Fusione fra comuni e opportunità. Se ne è parlato il 14 febbraio per iniziativa del M5s di Sorano e Pitigliano, con la collaborazione di Svolta partecipata.

«Abbiamo volutamente scelto il giorno di San Valentino, data simbolica, per far innamorare i due comuni», commentano gli organizzatori. «Un’occasione irripetibile e da prendere al volo – dice il M5s – far sposare i nostri comuni volontariamente che ci permetterebbe di diventare più grandi, di avere maggiore peso politico e di ricevere milioni di euro di finanziamento. Il tempo stringe, perché tutto, a livello nazionale e regionale, spinge rapidamente verso l’accorpamento obbligatorio dei comuni sotto i 5.000 abitanti. Così, quando la scelta non sarà più sollecitata dal basso, si perderanno non solo i contributi ma anche la possibilità di scegliere con chi fondersi e questo è un rischio che non possiamo correre».

Al convegno sono stati definiti i prossimi passaggi da fare in direzione della fusione, dal piano di fattibilità agli incontri con i cittadini. L’evento ha visto la presenza dei consiglieri portavoce in Regione Enrico Cantone e Gabriele Bianchi, Faustino Conigli, sindaco di Trecastelli, i consiglieri comunali Maurizio Coppi di Castell’Azzara, Giovanni Barbagli di Cinigiano e l’avvocato Marcello Bianchini, attivo in prima linea in favore del Comune unico. Presente anche la portavoce

alla Camera del M5S Federica Daga. «Grande assente invece l’amministrazione di Sorano – dicono i consiglieri – «dopo aver comunicato a mezzo stampa l’idea di rilanciare l’Unione delle Colline del Fiora dopo quattro anni di inesistenza politica nei confronti dello stesso ente». (f.b.)

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro