Quotidiani locali

Lupi, a breve l’incontro con Remaschi

SCANSANO. Gli allevatori della provincia, tartassati dalle predazioni e dalla perdita di capi e di latte, non mollano. Si stanno organizzando per andare all’incontro col nuovo assessore all’agricoltur...

SCANSANO. Gli allevatori della provincia, tartassati dalle predazioni e dalla perdita di capi e di latte, non mollano. Si stanno organizzando per andare all’incontro col nuovo assessore all’agricoltura della Regione Toscana, Marco Remaschi, e prendono contatti con gli allevatori delle altre regioni italiane in vista di un’eventuale manifestazione nazionale che metta sotto gli occhi di tutti il ruolo dell’attività pastorale e dell’allevamento.

Ieri a Pomonte (Scansano), su iniziativa di due allevatori grossetani, Carmelo Masala e Virgilio Manini, si è tenuto un incontro fra una rappresentanza di allevatori e le associazioni di categoria. Al tavolo, dove sedeva l’intero mondo agricolo della provincia di Grosseto, il primo punto discusso è stato quello del prossimo incontro del 23 luglio fra mondo dell’allevamento e associazioni di categoria da un lato e nuovo assessore all’agricoltura della regione Toscana Marco Remaschi dall’altro.

Gli allevatori per questo incontro chiedono al tavolo la presenza non solo di rappresentanze dell’allevamento del grossetano ma anche delle altre province interessate. «Il fenomeno è presente ormai in tutta la regione – spiega Virgilio Manini – e dunque vogliamo rappresentare al neo assessore tutta la gravità della situazione».

Intanto, seguendo la linea già intrapresa da tempo, questa volta si vuole allargare ancor più l’orizzonte e andare anche oltre la Toscana. «Verranno presi contatti – continua Manini – con tutte le regioni italiane. Ormai il fenomeno predazioni è presente in ogni parte d’Italia e le associazioni metteranno insieme esponenti di tutta la penisola per fare un incontro. Infatti, se la nostra regione non darà risposte esaurienti e soprattutto rapide, stiamo pensando a una manifestazione nazionale in cui il messaggio, però, non dovrà essere di protesta, ma piuttosto un messaggio educativo e formativo, sulla funzione dell’allevamento in Italia».

E per ciò che concerne il prossimo incontro in Regione, Manini dice: «Nell’incontro gli allevatori hanno ribadito che a questo

punto si rifiuta tutto ciò che finora non ha dato risultati e che tutti gli allevatori si rendono disponibili per le catture dei predatori».

Virgilio Manini è stato nominato all’unanimità referente e coordinatore dei rapporti fra allevatori e mondo delle associazioni. (f.b.)

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro