Quotidiani locali

Ragazza alla pari ruba 24mila euro nel campeggio

Arrestata dai carabinieri mentre cercava di scappare Era ad Albinia per insegnare ai figli del proprietario l’inglese

ORBETELLO. La faccia pulita della brava ragazza, gli occhiali sul naso da studentessa modello e le lacrime, tante, che le hanno rigato il volto durante l’udienza di convalida del fermo.

Il giudice Valeria Montesarchio, quando ieri mattina ha visto quella giovane americana con il volto da ragazza per bene, ha stentato a credere che Kristin Laurel Powell, statunitense di 27 anni, fosse lì davanti a lei perché aveva rubato 24mila euro al campeggio Hawaii di Albinia.

La ragazza era arrivata al campeggio sul mare con un progetto di scambio alla pari. Il gestore del campeggio le aveva garantito vitto e alloggio, in cambio lei avrebbe dovuto insegnare ai figli dell’uomo l’inglese. Tutto era filato liscio fino alla scorsa settimana. Poi, una mattina, Kristin ha comunicato all’uomo e ai suoi colleghi che sarebbe dovuta rientrare con urgenza negli Stati Uniti.

Si era inventata che suo padre stava molto male. Una bugia, che aveva destato più di un sospetto al campeggio.

Qualche giorno prima infatti, dall’alloggio del gestore dell’Hawai erano spariti ventiquattromila euro in contanti, qualche assegno e qualche vaglia postale che la ragazza aveva poi gettato prima di arrivare alla stazione di Albinia, dove è stata fermata dai carabinieri. L’uomo aveva denunciato il furto, i militari erano già stati al campeggio per parlare con i dipendenti, gli unici avrebbero potuto sapere che quei soldi erano in quella casa.

Quando i militari hanno fermato la ragazza, prima che salisse sul treno, le hanno trovato addosso i soldi. Gli assegni e i vaglia li aveva gettati.

Una volta in caserma, la ventisettenne americana non ce l’ha fatta più e ha raccontato ai carabinieri cosa era successo. Aveva visto tutti quei soldi e li aveva presi.

Ieri mattina Kristin Laurel Powell è arrivata davanti al giudice. Difesa dall’avvocato Domenico Finamore, che intanto si era messo in contatto con il consolato, la ragazza ha patteggiato 8 mesi e duecento euro di multa, con la sospensione della pena, subito dopo la convalida del fermo.

Una procedura spedita che è stata resa possibile dal pm Giuseppe Coniglio e dal giudice Valeria Montesarchio che hanno fissato l’udienza per furto aggravato subito dopo quella per la convalida del fermo.

Kristin, in lacrime, è stata accompagnata di nuovo

al carcere di Pisa da dove è uscita ieri sera per fissare il primo volo per gli Stati Uniti, lasciandosi alle spalle, in Italia, l’esperienza di qualche notte in carcere, passata probabilmente per aver commesso un furto senza aver pensato alle conseguenze.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro