Quotidiani locali

Libri e diari rilegati la nuova frontiera delle coop sociali

Il Quadrifoglio e Lo scoiattolo occupano 160 dipendenti E con i laboratori creativi sono una risorsa per vari settori

AMIATA. Due aziende che occupano complessivamente 160 dipendenti e aggregano attorno a sé oltre mille persone. Una grande forza lavoro e di assistenza per tutti gli 8 comuni dell’Amiata grossetana e una rete di servizi di ogni tipo, visto che le due imprese lavorano in particolare nel campo del sociale.

Sono molti gli amiatini a godere delle loro prestazioni, dai piccoli agli anziani agli adolescenti, ma pochissimi sanno chi è a tirare le fila di tutta la baracca e quali sono le attività delle cooperative in questione. Ovvero il Quadrifoglio e Lo Scoiattolo, la prima con 130 dipendenti e la seconda con 30. E con questi numeri, già a una prima occhiata, sono due fra le realtà imprenditoriali con più occupati in montagna.

Il Quadrifoglio La cooperativa guidata dalla presidente Anna Camarri (nella foto a fianco), opera dal 1995 e si occupa di assistenza alla persona e assistenza educativa ed è impegnata negli asili nido di Arcidosso, Piancastagnaio e Santa Fiora; nelle ludoteche di Arcidosso, Santa Fiora, Castell’Azzara e Semproniano; nel centro diurno L’Aquilone di Montelaterone; nelle case di riposo Vegni di Casteldelpiano e in quella di Castell’Azzara, nella casa famiglia La Faggia e nella realtà Il Cerchio.

Presta poi assistenza domiciliare agli anziani e ai minori degli 8 comuni dell’Amiata grossetana e si occupa dei centri estivi e di animazione, nonché del centro giovani di Castel del Piano.

Lo Scoiattolo Alla sua presidenza c’è Raffaella Duchi, è attiva ad Arcidosso dal 1993 ed ha come finalità basilare l’inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati. Si parla di orientamento al lavoro, di inserimento in laboratori specifici scelti dopo la verifica delle abilità dei soci che hanno bisogno di assistenza: in pratica, si insegnano le regole e poi si prova l’inserimento nel mondo del lavoro. Una attività nata nel 1993 per rispondere alla legge 180 (che impose la chiusura dei manicomi) ed oggi punto di riferimento per moltissime persone e famiglie.

Nuove produzioni La legatoria e la nascita di una linea di produzione nuova, è l’ultima creazione della cooperativa Lo Scoiattolo. Lo spiega la presidente Raffaella Duchi. «Anima di tutta la linea - spiega - è il grafico Filippo Raffi, che col contributo di molti artisti ha dato vita a un caleidoscopico mondo di carta e cartone colorato e dipinto: quaderni con copertine ideate e realizzate da pittori emergenti e affermati, book, agende e diari, scatole, taccuini, blocchi notes. Tutto cucito a mano, con copertine diverse le une dalle altre, e fatte con carta e cartone riciclati».

Vi lavorano coloro che hanno grande passione e voglia di fare. Questi laboratori diventano un settore su cui investire, ma soprattutto sono un punto di recupero sociale importante. Che è poi la mission della nostra cooperativa»

Le attività dello Scoiattolo spaziano dalla manutenzione del verde, alle pulizie, ai servizi cimiteriali, alla raccolta differenziata effettuata nei comuni del tufo, alla raccolta di carta e cartone, fino agli orti sociali, come quello di Fedro, a Santa Fiora, i cui prodotti d’estate vengono venduti al mercato del sabato dagli stessi soci.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia il Tirreno
e ascolta la musica con Deezer.3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.