Menu

LA STORIA

Quei ventuno uomini da Gavorrano al pozzo maledetto

 GROSSETO. Incollati ai loro televisori, chissà se i minatori di Gavorrano immaginavano che sarebbero stati proprio loro a sancire l'epilogo della tragedia di Alfredino. Invece ventuno di loro furono allertati quando ormai ogni speranza era sfumata e si trattava soltanto di dare una degna sepoltura al cadavere di un bambino di sei anni.  Italico Neri, Floriano Matteini, Leonello Lupi, Renato Bianchi, Ledo Mancini, Sirio Mengozzi, Giovanni Anedda, Mario Balatresi, Franco Montanari, Lauro Tognoni, Alberto Torresi, Spartaco Stacchini, Rino Paradisi, Silvano Monaci, Alberto Brachini, Renzo Galdi, Mario Zanaboni, Mario Deidda, Aldo Tommasselli, Pellegrino Falconi e lo stesso Torello Martinozzi composero la squadra di questi antieroi dallo stomaco forte e le mani callose.  I minatori raggiunsero Vermicino il quattro luglio e, dopo aver piazzato le loro attrezzature, si calarono nel tunnel parallelo profondo 70 metri con un diametro di 90 centimetri scavato dai vigili del fuoco a sedici metri dal pozzo artesiano nel quale era caduto Alfredino.  Il loro compito era quello di realizzare una galleria per raggiungere il punto esatto dove giaceva il corpo del bambino.  Fu un intervento irto di difficoltà e pericoli. I minatori lavorarono in tre turni continui e dopo sei giorni, intorno alla mezzanotte del 10 luglio, ebbero la percezione di essere vicini alla meta. "Era come se stessero lavorano nella loro miniera scavando per tentare di salvare un loro compagno sommerso da una frana" raccontano le cronache dell'epoca.  Verso le sette del mattino del giorno successivo il cadavere di Alfredino fu raggiunto. Dopo ulteriori otto ore di lavoro, quando erano circa le tre del pomeriggio fu portato finalmente in superficie. "I minatori di Gavorrano smontano le attrezzature in silenzio
e con gli occhi lucidi, lasciando quel luogo di tragedia divenuto, nei giorni precedenti, palcoscenico di spettacolo".  Fecero ritorno in provincia di Grosseto "disdegnando ogni forma di protagonismo mentre, da settimane, andava in onda il tormentone delle interviste televisive". L.S.

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro