Multimedia / video

Questo è il contenuto alternativo

Concordia in pericolo, la roccia si sta sgretolando

Lo scafo della Costa Concordia poggia, a poppa e a prua, su due soli speroni di roccia, uno dei quali profondamente lesionato. Il gigantesco scafo è lacerato e sembra sospeso nel nulla. Sono questi gli elementi più importanti che emergono dalla prima ricognizione subacquea realizzata dai ricercatori del Dipartimento emergenze in mare deIl'Ispra la mattina dell'11 febbraio, un mese dopo il naufragio. Un video (la versione integrale è di 1 ora e 4 minuti) che adesso dovrà essere esaminato dagli esperti ma che rilancia le grandi preoccupazioni sulla stabilità della nave di Natalia Andreani  L'articolo 

VAI ALLO SPECIALE CONCORDIA

venerdì 17.02.2012

Multimedia / video

Questo è il contenuto alternativo

Concordia in pericolo, la roccia si sta sgretolando

Lo scafo della Costa Concordia poggia, a poppa e a prua, su due soli speroni di roccia, uno dei quali profondamente lesionato. Il gigantesco scafo è lacerato e sembra sospeso nel nulla. Sono questi gli elementi più importanti che emergono dalla prima ricognizione subacquea realizzata dai ricercatori del Dipartimento emergenze in mare deIl'Ispra la mattina dell'11 febbraio, un mese dopo il naufragio. Un video (la versione integrale è di 1 ora e 4 minuti) che adesso dovrà essere esaminato dagli esperti ma che rilancia le grandi preoccupazioni sulla stabilità della nave di Natalia Andreani  L'articolo 

VAI ALLO SPECIALE CONCORDIA

venerdì 17.02.2012

Annunci

  • Vendita
  • Affitto
  • Casa Vacanza
  • Regione
  • Provincia
  • Auto
  • Moto
  • Modello
  • Regione
  • Regione
  • Area funzionale
  • Scegli una regione

Negozi

ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

 PUBBLICITÀ

Multimedia / video

Questo è il contenuto alternativo

Concordia in pericolo, la roccia si sta sgretolando

Lo scafo della Costa Concordia poggia, a poppa e a prua, su due soli speroni di roccia, uno dei quali profondamente lesionato. Il gigantesco scafo è lacerato e sembra sospeso nel nulla. Sono questi gli elementi più importanti che emergono dalla prima ricognizione subacquea realizzata dai ricercatori del Dipartimento emergenze in mare deIl'Ispra la mattina dell'11 febbraio, un mese dopo il naufragio. Un video (la versione integrale è di 1 ora e 4 minuti) che adesso dovrà essere esaminato dagli esperti ma che rilancia le grandi preoccupazioni sulla stabilità della nave di Natalia Andreani  L'articolo 

VAI ALLO SPECIALE CONCORDIA

venerdì 17.02.2012