Quotidiani locali

Generali non molla Trieste e investe nell’est Europa

Galateri all’inaugurazione del progetto della Fondazione per bimbi e famiglie. «Il Governo lavori nell’interesse del Paese, ci sono molte riforme da attuare»

UDINE. Dal Governo al nuovo grattacielo Generali a Milano «in cui ci trasferiremo il 9 luglio», alle rassicurazioni sul mantenimento dell’headquarter a Trieste, dalle scelte di «uscita da mercati marginali» alle strategie di sviluppo in mercati invece strategici. Questi i temi ai quali Gabriele Galateri di Genola non si è sottratto, rispondendo alle domande dei giornalisti a margine della presentazione, a Trieste, di “Un villaggio per crescere”, iniziativa di Generali The Uman Safety Net onlus, la fondazione della compagnia del Leone.

«Con il nuovo governo dobbiamo ancora cominciare a dialogare, quindi è troppo presto poter parlare di cosa chiedere. Credo che se il nuovo governo si propone di lavorare nell’interesse del paese e dell’Italia ci sono tante cose evidentemente da cambiare» ha detto il presidente di Assicurazioni Generali. E ha proseguito rimarcando come «bisogna fare molta attenzione all’attività che si sviluppa nei mercati finanziari perché è chiaro che una azienda assicuratrice dipende da questi e bisogna gestirli con molta prudenza».

Rispetto al grattacielo Generali di Milano «è quasi pronto e andremo là il 9 di luglio», è stato l’annuncio di Galateri di Genola, che ha rassicurato rispetto ai timori di un ruolo marginale della sede storica triestina. «Trieste - ha aggiunto - è la sede delle Generali e della Assicurazioni Generali Holding e abbiamo bisogno che questa sede continui, si consolidi, sviluppi le sue attività che sono importantissime perché qui a Trieste noi abbiamo tutta l’area amministrazione, finanza e controllo, quindi molto grande». Galateri di Genola ha spiegato poi la strategia del Gruppo, annunciata da Philippe Donnet, e che prevede «l’uscita dai mercati marginali dove non avevamo grandi prospettive di crescita, come in Guatemala e la Colombia, e investire invece in paesi dove ci sono grosse prospettive». Con un’attenzione particolare all’Est Europa, Europa occidentale ma anche Asia (Cina, Indonesia, Vietnam e Malesia) e alcuni Paesi del Sud America. Nel merito dell’evento presentato ieri, la fondazione Generali The Human Safety Net Onlus ha deciso di avviare in Italia le proprie attività presentando insieme al Centro per la Salute del Bambino “Un villaggio per crescere”, uno spazio dedicato alle famiglie per favorire pari opportunità di sviluppo a bambini e bambine di età compresa tra 0 e 6 anni. Il progetto si ispira al proverbio “Per crescere un bambino ci vuole un villaggio” e l’obiettivo punta a coinvolgere le comunità in cui è presente il Villaggio, per diffondere e rinforzare il messaggio che l’educazione delle nuove generazioni è una responsabilità condivisa che va sostenuta e garantita.

«A Trieste - ha detto Galateri di Genola - presentiamo

un progetto dedicato a supportare le famiglie per sostenere relazioni ed esperienze positive con i loro bambini: è importante agire sulla prevenzione, facendolo direttamente nelle comunità di appartenenza, e precocemente, per offrire ai piccoli pari opportunità di sviluppo».

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro