Quotidiani locali

Vai alla pagina su Empoli calcio
Empoli: gambe, personalità e Rasmussen sono le note liete

Empoli Calcio

Empoli: gambe, personalità e Rasmussen sono le note liete

La truppa di Andreazzoli non si è fatta intimorire da avversari e stadio E il calcio di rigore decisivo segnato dal danese dice che il ragazzo c’è

EMPOLI. Il direttore d'orchestra Aurelio (Andreazzoli, ovviamente) non sbaglia una nota e il trofeo “Cinco Violinos”, nella notte di domenica scorsa, è salito a bordo dell'aereo che ha riportato gli azzurri a casa dal Portogallo.

Superfluo sottolineare la grande soddisfazione per questa affermazione in terra lusitana contro un avversario carico di blasone, storia e fascino come lo Sporting Clube de Portugal, che peraltro aveva sempre vinto nelle precedenti 6 edizioni della manifestazione. L'Empoli, insomma, ha fatto ulteriori passi in avanti sotto tutti i punti di vista scacciando definitivamente qualche perplessità iniziale.

La condizione generale, a livello fisico, sta migliorando ma la cosa migliore emersa a Lisbona è senza dubbio la personalità. Gli azzurri hanno giocato alla pari contro un avversario probabilmente più forte, in uno stadio che poteva incutere qualche timore ma che, alla resa dei conti, non lo ha fatto. È vero che la vittoria è arrivata soltanto ai calci di rigore però, soprattutto nel secondo tempo, la squadra ha giocato su buoni livelli impreziosendo la prestazione con un gol di pregevole fattura firmato da La Gumina smarcato da una giocata sontuosa di Traore.

In questa settimana si è lavorato anche in sede di mercato quando manca ormai poco più di una settimana alla chiusura della finestra estiva. Gli arrivi di Capezzi e Silvestre, in questo senso, sono tasselli che contribuiscono a completare la rosa, un mix tra la gioventù del primo e l'esperienza del secondo. Non dovrebbe essere finita qui, la campagna acquisti per l'Empoli, qualcosa ancora verrà fatto e sappiamo bene quanto gli ultimi giorni possano riservare sorprese e colpi di scena.

LO SPECIALE SUGLI AZZURRI

A proposito di sorprese, davanti alla difesa il danese Rasmussen ha di nuovo convinto ed il fatto che sia stato lui a segnare il rigore decisivo domenica scorsa depone a suo favore. Perché indica che il ragazzo c'è, sta sul pezzo. Capezzi, di fatto il sostituto di Castagnetti, dovrà sudarselo il posto a questo punto. Buon per Andreazzoli, ovviamente, che può contare su un'alternativa in più, forse non prevista, e su una concorrenza sana che fa sempre bene.

Intanto domenica prossima, finalmente, tornerà il calcio che conta con la gara di Coppa Italia. Avversario il Cittadella che se non è la bestia nera degli

azzurri poco ci manca. Un motivo in più per continuare su questo percorso di crescita intrapreso con le due amichevoli internazionali disputate, che rappresenterebbe, oltretutto, un bel viatico in vista dell'esordio in campionato nel match contro il Cagliari.


 

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro