Quotidiani locali

«Dimostrate doti tecniche e morali»

Andreazzoli applaude i suoi e i tifosi, però non vuole sentir parlare di promozione

EMPOLI. «La Serie A è vicina? Fatemi un'altra domanda, a questa non rispondo». Tra le risate della sala stampa Aurelio Andreazzoli mantiene il profilo basso, e scaramantico, ma anche lui sa bene che quella con la Pro Vercelli è più di una semplice vittoria. «Preferisco sottolineare i risultati utili consecutivi – aggiunge – la forza di una squadra spesso si valuta più nella continuità che non nella prestazione occasionale. Questa squadra ha dimostrato grandi doti morali e tecniche».

Con la Pro arriva un altro successo, ma come aveva previsto “nonno Aurelio” gli azzurri la pagnotta se la sono dovuta sudare. «Coi miei collaboratori abbiamo rivisto velocemente la partita – spiega il tecnico – per verificare quante occasioni abbiamo avuto. Compresi i gol sono 13 e se con queste opportunità sei costretto a sperare in un palo degli avversari nel recupero vuol dire che un po’ di sofferenza c’è stata. Io però sono contento di quello che ha fatto la squadra, soprattutto nei primi venti minuti. È stato forse il miglior tratto di gara da quando sono arrivato. Nel finale bisogna essere bravi a chiuderla, anche con meno occasioni».

Grande sostegno da parte del pubblico protagonista di un gesto bellissimo. Quando Junior Traore ha fallito un’occasione porta vuota Maratona e Tribuna hanno fatto partite in applauso fortissimo. Un gesto in pieno stile Empoli. «I tifosi che vengono allo stadio sono un vulcano di passione – dice – il numero è limitato rispetto ad altre piazze, ma è normale. Empoli è questa. Chi viene però sostiene sempre con grande calore la squadra e così ha fatto con Traore. Junior ha giocato davvero bene, costruendosi occasioni importanti e purtroppo fallendole. È soltanto giovane, ma io sto già valutando quello

che mi può dare in campo. Krunic? Può fare anche di più, può essere molto più preciso. Lui è un giocatore da Serie A, ma per esserlo in pieno deve riuscire a sbagliare il meno possibile. Adesso vediamo come sta».

Alessandro Marmugi

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro