Quotidiani locali

Vai alla pagina su Empoli calcio
Stadio, pronto il progetto 2.0: il costo sale da 25 a 27 milioni

Empoli Calcio

Stadio, pronto il progetto 2.0: il costo sale da 25 a 27 milioni

L’ad dell'Empoli Francesco Ghelfi: «Accolte le richieste, non serve un altro percorso partecipativo». Sarà portato in Comune entro fine mese

EMPOLI. Mille giorni. Tanti (in realtà qualcuno di meno) ne sono passati da quel caldo agosto 2015, quando l’Empoli presentò l’idea concreta (e un primo abbozzo di progetto) per il nuovo stadio. In questi 30 mesi (circa) di acqua sotto i ponti ne è passata, di cose ne sono successe: litigi, incomprensioni, dialogo, apertura, appelli e comitati. Della fatidica prima pietra neanche l’ombra e qualche nube all’orizzonte ancora c’è. Ma, ora, c’è anche il progetto 2.0. Quello rivisto e “corretto” dall’Empoli dopo le prime osservazioni mosse. Che arriverà in Municipio entro la fine di questo mese.

NUOVO PEF. A livello di strutture (ma ne parleremo in seguito) sarà praticamente identico a quello già illustrato in tutte le sedi possibili e immagini. È cambiato, invece, il Pef. Il piano economico finanziario, infatti, è stato rivisto secondo le correzioni chieste dal Comune. E, in particolare, è cambiata le composizione dell’Ati, l’associazione temporanea d’impresa - che gestirà i lavori e non solo - formata dall’Empoli e le società impegnate materialmente nei lavori: Consorzio Avvenire (costruzioni), Cimolai spa (carpenteria) e Isocell precompressi spa (gradoni delle tribune). Aziende che, in sostanza, hanno aumentato il loro impegno economico, come richiesto dal Credito sportivo, all’interno del progetto. Gli ultimi accordi sono stati raggiunti e siglati, singolarmente, da pochi giorni. Ora serve solo il tempo materiale per formare concretamente l’Ati.

leggi anche:



AUMENTA IL COSTO. La revisione del Pef è stata necessaria anche per ricalibrare tutta l’opera secondo le osservazioni sollevate dal Comune. E, in particolare, per la realizzazione della nuova strada di collegamento tra la rotatoria accanto al parco e la Statale. Un’opera da 2 milioni, a carico dell’Empoli secondo le richieste del Municipio, che ha portato il costo totale (previsto) da 25 a 27 milioni.

ALTRI CAMBIAMENTI. Anche le altre novità sono quelle chieste pubblicamente dalla sindaca Brenda Barnini dopo il primo esame del progetto e le osservazioni emerse anche dal percorso partecipativo e relative assemblee. Così il parcheggio dietro all’attuale tribuna viene ridotto dall’80% con la salvaguardia del verde e i posti auto vengono recuperati con il piazzale del parco di Serravalle che sarà (parzialmente) asfaltato sempre a spese della società del presidente Corsi.

I TEMPI. Il progetto 2.0 che arriverà in Comune entro il 28 febbraio, dunque, tiene conto di tutte le osservazioni. Ma il nuovo progetto partecipativo per il quale il Comune ha già chiesto un finanziamento (da 40.000 euro) alla Regione e che potrebbe durare anche 6 mesi ora rischia di diventare un problema.


LEGGI ANCHE: TUTTI GLI ARTICOLI SUL PROGETTO STADIO

«Abbiamo già parlato di tutto – sentenzia l’ad azzurro Francesco Ghelfi – e siamo andati incontro alle richieste. Però non possiamo ripartire dall’inizio tutte le volte che nel progetto cambia una virgola. È normale che ci siano tanti aspetti da calcolare e curare quando non si lavora solo fra privati, ma se ogni volta ci sono da attendere mesi e mesi significa che questo stadio non si fa». Basta ritardi, insomma. Tanto che l’Empoli, ora, si aspetta persino... uno sconto sui tempi. «Quelli del bando sono intoccabili – continua Ghelfi - e lo accettiamo. Ma mi piacerebbe che ora non ci facessero aspettare 90 giorni per un progetto che, di fatto, il Comune ha già e, soprattutto, ha già avuto tempo e modo di studiare e analizzare viste le richieste che ci erano state fatte».
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro