Quotidiani locali

storie di sport

Quando il regista diventa anche... bomber

Mattia Catarcioni è il miglior realizzatore del Balconevisi (calcio Uisp)  ma sogna di sfondare nel cinema e presto uscirà il suo primo film "Bomba libera tutti"

EMPOLI. Di solito in una squadra i due calciatori dei quali non si può proprio fare a meno sono il regista e il bomber. Nel Balconevisi, capolista della serie Amatori girone E, capita però che il bomber e il regista siano la stessa persona, nello specifico il nome e il cognome è quello di Mattia Catarcioni.

Bomber, perché dati alla mano è il miglior realizzatore della squadra prima in classifica, regista non certo perché si metta in campo ad organizzare il gioco, ma perché la sua grande passione è stare dietro la macchina da presa. Proprio in questi giorni, infatti, sta portando a termine il montaggio della sua prima pellicola “Bomba libera tutti” che uscirà a primavera, film diretto insieme all’amico comico Alessandro Gelli. «Il cinema è la mia grande passione – racconta Mattia, 29 anni da compiere – fin da quando ero piccolo e ho cercato di coltivarla. Ho studiato per questo all’università e spero che un giorno possa diventare una vera e propria professione. Intanto faccio il proiezionista al cinema Lami di Santa Croce sull’Arno e sono istruttore di tennis, l’altro sport che pratico da sempre oltre al calcio. Sono arrivato in Seconda categoria e ora sto terminando l’iter per diventare maestro».

La formazione del Balconevisi (foto...
La formazione del Balconevisi (foto agenzia Carlo Sestini)

Tra un lavoro e l’altro la sua grande passione però è anche il calcio, passione che gli sta regalando grandi soddisfazioni visto che proprio in questo weekend ha realizzato un gol decisivo nel derby contro La Serra e la sua squadra adesso è in vetta alla classifica. «Probabilmente in questo momento è più bravo il Catarcioni bomber che il regista, ancora devo fare esperienza dietro la macchina da presa. Il calcio resta comunque un grande momento di svago e poi con la squadra mi trovo benissimo. Sono di San Miniato Alto, ma la mia nonna era di Balconevisi, provo un grande senso di appartenenza».

Tra un gol e l’altro la speranza è quella di replicare gli stessi successi calcistici anche col suo film. «“Bomba libera tutti” è un film comico – spiega Mattia – si parla dei ragazzi, vengono affrontati temi importanti come il bullismo. Il film è stato girato in estate, praticamente tutto nelle nostre zone tra San Miniato e Fucecchio. Adesso stiamo mettendo a punto gli ultimi dettagli, la speranza è quella di poterlo far uscire in primavera e speriamo anche che qualche festival cinematografico ci possa notare. Intanto a breve dovrebbe presto uscire un breve trailer».

Sarà una primavera importante, dunque, perché oltre all’uscita del film, si decideranno anche le sorti della promozione per il Balconevisi. E se chiediamo a Mattia quale film potrebbe incarnare il campionato della sua squadra lui non ha dubbi. «Potrebbe essere un film alla Tarantino, un Kill Bill ad esempio – racconta – più che altro per il tipo di svolgimento che ha. Dopo un avvio in sordina siamo riusciti ad arrivare fino alla vetta della classifica, una rimonta progressiva che ci ha portato in alto».

Ora non resta che aspettare qualche settimana. Perché se il suo film “Bomba libera tutti” avrà un lieto fine, il finale di questo campionato per il Balconevisi è ancora da scrivere.
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Empoli Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro